Castel Volturno, sulla Volturno Multiutility ancora tanta incertezza

38
informareonline.com-angelo.morlando
L'acqua NON si vende Ing. Angelo Morlando

Sulla Volturno Multiutility ancora tanta incertezza

a cura di Angelo Morlando

informareonline-ling-angelo-morlando-intervistato-dal-tgr-sulla-vicenda-di-agnena

Solo stamattina ho visto in streaming il Consiglio Comunale di Castel Volturno del 26.01.2021, nella parte attinente alla Volturno Multiutility S.p.A. e pur riconoscendo all’attuale assessore dott. Paolo Barba competenza e tanto impegno e passione, credo che gli sia necessario ancora un po’ di tempo per approfondire alcune tematiche amministrative, soprattutto per andare un po’ più indietro nel tempo. Non lo coinvolgo sulla parte tecnica, perché per sua stessa ammissione non ne ha competenza, ma proverò in seguito a fornire qualche utile suggerimento.

Le prime due domande che rivolgo all’assessore Barba (a differenza di quelle provocatorie proposteLe dal consigliere dott. Giuseppe E. Scialla) sono le seguenti:

  • Era necessario “mettere” in liquidazione la Volturno Multiutility S.p.A. ?
  • Per “mettere” in liquidazione la Volturno Multitutility S.p.A. sono state rispettate tutte le norme ed è stata prodotta tutta la documentazione richiesta per legge?

In merito allego due mie articoli del 2018 in cui ho fatto delle richieste circostanziate all’allora sindaco Dimitri Russo e all’allora Presidente, dott. G. Petrone, alle quali non ho mai ricevuto risposta.

Per quanto attiene alla lotta all’abusivismo e al recupero delle morosità invito TUTTI ad andarsi a leggere quanto fatto nel corso del 2015, durante una parte della mia presidenza, quando tutti i dati erano pubblicati praticamente nell’arco di un paio di giorni. Dopo le mie dimissioni dell’aprile 2016, il sito non è stato più aggiornato, poi è stato oscurato e da qualche mese lo stesso è stato rimesso in piedi, ma mancano tante informazioni, soprattutto sul tema della trasparenza e dell’anticorruzione.

E’ giusto ricordare anche all’ex presidente del consiglio comunale di allora, dott. Nicola Oliva, che a luglio 2015 proposi di mettere in campo una campagna antiabusivismo, perché tale azione ha senso solo nel periodo estivo per le seconde case che, nel nostro territorio, sono divenute la maggioranza. E’ giusto informare che i lavoratori della V.M. già da anni hanno elaborato le planimetrie di tutti i viali con i riferimenti di tutti i contatori idrici, pertanto, con una semplice sovrapposizione con google maps o equivalente, nel periodo estivo è immediato rilevare gli abusivi. Se i dottori Russo, Scialla e Oliva hanno la coerenza di ricordarlo, a fine luglio proposi di effettuare una campagna antiabusivismo per tutto il mese di agosto 2015, ovviamente coinvolgendo le forze dell’ordine. Era l’ultimo venerdì di luglio. Io e il sindaco Russo ci dovevamo incontrare il 4 agosto 2015, affinché potessimo organizzare il tutto.

Cari dott. Russo, Scialla e Oliva, sapete benissimo come è andata a finire. Il sindaco Russo non mi ha più risposto per quasi tutta l’estate (voci di allora mi riferirono che era andato in vacanza) mentre io sono rimasto in campo, compresi i giorni del ferragosto. E anche voi, il resto della giunta di allora e del consiglio comunale di allora, siete stati quasi sempre latitanti.

Sulle morosità il compito è ancora più facile: da decenni i lavoratori amministrativi della V.M. hanno un foglio excel in cui c’è scritto TUTTO per ogni utenza; basta ordinarlo per importo di morosità crescente e per durata di morosità, verificare che siano stati fatti tutti gli adempimenti (e i lavoratori della V.M. sono estremamente precisi in merito) e staccare l’acqua. Nel 2015 così facemmo e recuperammo ingenti somme in breve tempo. Allo stesso modo, per le persone che avevano sempre pagato e che si trovavano in un momentaneo stato di difficoltà, proponemmo delle rateizzazioni che, fino a che sono stato presidente, furono quasi tutte onorate. Per quanto riguarda i consumi anomali delle aziende, basta monitorare una sola attività per tipo e fare un riscontro con le altre similari. Un lavoro che, ad esempio, per i caseifici o per i lidi balneari, si può fare nei mesi estivi. Monitoraggio da giugno a settembre e confronto dei dati, Per ogni anomalia c’è una soluzione.

Ho evidenziato più volte la parola lavoratori, forse non è stata usata nemmeno una volta durante tutto il consiglio comunale del 26.01.2021. Si è parlato di aumentare i ricavi, uscita dalla liquidazione e successivo piano industriale, bilanci, etc. Ma nessuno ricorda o forse non lo sa proprio, che, ad esempio, per tutta la rete fognaria di Bagnara/Destra Volturno + 12 sollevamenti + impianto di depurazione da potenziali 40mila abitanti equivalenti, ci sono quattro lavoratori, ripeto: quattro lavoratori !!! Di questi 4, una lavoratrice è una dott.ssa che si occupa del laboratorio, un’altra lavoratrice è un ingegnere che peraltro spesso si occupa anche di altre mansioni e ci sono solo due lavoratori che si occupano della parte operativa. DUE LAVORATORI PER DECINE DI CHILOMETRI DI FOGNATURA, 12 SOLLEVAMENTI E UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE DA POTENZIALI 40MILA ABITANTI EQUIVALENTI.

All’assessore dott. P. Barba pongo, quindi, un’altra questione: è stato finalmente risolto il nodo contrattuale dei lavoratori della V.M. che risultavano con il CNLL dei Metalmeccanici, invece, che quello di FederGas Acqua? E’ stata fatta un’attenta valutazione dei lavoratori effettivamente necessari a gestire l’intero servizio idrico integrato? E’ facile parlare di acquisire tutta la rete in passato in possesso del C.I.T.L. (volutamente non ho scritto gestita, perché il CITL non lo ha mai fatto e su questo caro assessore, le pongo un altro quesito se potesse andare indietro nel tempo e leggersi le mie relazioni semestrali del 2015 e 2016: perché il Comune di Castel Volturno non ha mai fatto causa al CITL???) è facile dire, l’azienda dovrebbe… ma l’azienda è costituita fondamentalmente dai lavoratori, quindi, come è possibile che sono stati acquisiti decine di chilometri di rete, peraltro senza conoscerne nulla (complimenti, ovviamente sarcastici, per chi ha gestito la presa in consegna) e rimanere sempre con lo stesso numero di lavoratori, mezzi e attrezzature?

In ultimo, ma non per ultimo, entro sulle questioni tecniche. Apprendo con soddisfazione che il progetto da me regalato all’inizio del 2015 al comune di Castel Volturno per la risoluzione di parte del sistema fognario/depurativo di Bagnara/Destra Volturno sia stato finanziato ed è stato oggetto di confronto all’Ente Idrico Campano (EIC). Mi fa altrettanto piacere sapere che è in corso un progetto da 16 milioni ad ampio respiro che propone soluzioni a medio/lungo termine per tutto il territorio. Queste domande Le rivolgo a Lei, a tutta la Giunta e a tutto il Consiglio Comunale: E’ possibile sapere chi è il professionista incaricato delle successive fasi progettuali? E’ possibile sapere con quale procedura è stato nominato? E’ possibile essere relazionati sulle somme fatte spendere al comune e alla V.M. dai consulenti della Procura negli ultimi anni e soprattutto secondo quali procedure e a quali imprese sono stati affidati i lavori e le forniture?

Vi chiedo questo, sia perché bisogna sempre rendicontare ogni spesa e darne motivazione, anche quando a spenderli è un consulente della Procura, sia perché mi sembra di aver sentito che nel periodo 2014/2018 siano state accertate delle infrazioni dalla magistratura. Mi dispiace, ma non è stato accertato proprio niente, anzi è certo che il sottoscritto dal 4 dicembre 2014 al 16 aprile 2016 ha svolto il proprio ruolo in maniera competente e cristallina. E’ vero, ci sono delle indagini della Procura che ormai durano da oltre due anni, ma come ho già detto più volte, ci sono in corso anche delle mie indagini difensive, pertanto, mi permetto di suggerire molta cautela.

In merito alla questione sollevata con il consigliere dott. G.E. Scialla in consiglio comunale e inerente all’effettivo beneficio della transazione tra comune e V.M. resta palese, gentilissimo dott. P. Barba, che sono assolutamente dalla sua parte. Ma aggiungo: che beneficio ha avuto sino ad ora la liquidazione? Chi è il tecnico che ha curato la ricognizione tecnico/economica che ha portato all’atto transattivo e con quale procedura è stato nominato?

Gentilissimo assessore P. Barba, lo sa che una ricognizione del dare/avere fu fatta già circa 10 anni fa con un lavoro enorme fatto dai lavoratori amministrativi della V.M. e la collaborazione dei responsabili dei settori del comune di Castel Volturno? Lo sa come è andata a finire? Anche di questo ho scritto e pubblicato tutto, ma il consiglio comunale dei giorni scorsi, mi è sembrato essersi svolto nel 2001 e non nel 2021.

Print Friendly, PDF & Email