Il “Codice antimafia 2020” di Catello Maresca e Sabrina Rondinelli

0
Il nuovo lavoro presentato alla Camera dei Deputati

L’obiettivo fondamentale è racchiudere in un unico volume/codice tutte le norme più importanti in ambito della legislazione antimafia vigente, aggiornato al D.L. 137/2020 e alla recente introduzione della legge sulle Intercettazioni. Lo scopo è quello di dare uno strumento utile a tutti gli operatori del settore del diritto nella ricerca della normativa di riferimento. I processi antimafia sono divenuti oggetto di studio non solo per i protagonisti del processo, ma per le norme che negli anni sono state introdotte e applicate.

Il sostituto procuratore presso la Procura Generale di Napoli, dott. Catello Maresca, nel ringraziare per l’ospitalità ricevuta in una sede così prestigiosa, ha così dichiarato: “Abbiamo l’occasione di confrontarci su un tema di cui spesso si parla, ma che è poco studiato e male applicato. Ciò si può sostenere non solo in linea teorica, ma è una costatazione pratica/operativa che ha di fatto indotto me e Sabrina Rondinelli a cimentarsi in questo lavoro. Il Codice non aspira ad essere solo una raccolta di norme, ma un insieme ragionato di quelle che sono le disposizioni che devono accompagnare l’interprete nella ricostruzione del fenomeno mafioso. Purtroppo la legislazione antimafia stenta a divenire argomento di studio universitario e credo che sia ora che ne assuma tale ruolo in quanto è una necessità avvertita e reale. La crisi economica e sociale attuale e quello che verrà, in termini di investimenti e di utilizzo di fondi, rappresentano proprio il terreno di coltura delle mafie; è un luogo e un momento in cui le mafie già stanno affilando le armi in un’occasione unica: intercettare milioni, se non addirittura miliardi di euro. Bisogna prepararsi per fronteggiare tale attacco. E non si può non partire dalla conoscenza, anche attraverso il presente Codice Antimafia. È un modo anche per onorare il metodo Falcone/Borsellino, quindi, l’obiettivo è stato elaborare strumenti e metodologie, anche dal punto di vista normativo, basati su strategie sempre nuove, perché sempre nuove sono le strategie di attacco delle mafie al sistema democratico”.

di Angelo Morlando

Print Friendly, PDF & Email