Storie della Domenica – Penna a sfera

informareonline-penna
Dalle “penne fontana” alla semplice Bic: storia (piccola) di un nostro oggetto quotidiano, la “penna a sfera”…

Il 29 ottobre 1945, la filiale di New York City del grande magazzino Gimbels presentò un nuovo prodotto: miliardi su miliardi di prodotti identici seguiranno sulla sua scia. Gimbels è stato il primo a vendere un nuovo tipo di penna d’inchiostro, il cui design aveva preso diversi decenni per realizzarsi. Le penne, fatte dalla Reynolds International Pen Company, promettevano la fine delle disordinate disavventure incontrate dagli utenti delle penne stilografiche: perdite di inchiostro, sbavature e macchie di inchiostro.

Le nuove penne a “sfera “hanno nesso da parte questo, utilizzando uno speciale inchiostro viscoso che si è asciugato rapidamente e non ha lasciato macchie. Al centro di esso, la pallina rotolante – e la gravità – ha assicurato un flusso costante e costante di inchiostro che non spalmava o lasciava solide pozze di inchiostro sulla pagina. La pallina era pulita e conveniente. Quello che non era essere economico.

La nuova penna Reynolds costava 12,50 dollari (convertirlo in denaro del 2020 fa  più di 180 dollari ) Oggi con quel prezzo avresti comprato  più di 1.000 pezzi. Quella penna è stata la prima ad essere in vendita negli Stati Uniti, ma non è stata affatto la prima penna a sfera: il capo della società statunitense che l’ha realizzata, aveva infatti scoperto una versione simile durante un viaggio d’affari in Sud America. La sua evoluzione è, per molti versi, un esempio di un design che cambia il gioco in attesa di fattori esterni – in questo caso l’aumento della plastica e delle infrastrutture di produzione di massa, e un brillante marketer – che gli ha permesso di raggiungere il suo pieno potenziale.

La creazione della penna a sfera è di solito accreditata ad un inventore ungherese-argentino László Bíró il cui nome ha ispirato un termine catch-all per i moderni punti a sfera. Ma è, in realtà, molto più vecchio. Un americano, John J Loud, ricevette il primo brevetto per una penna a sfera nel 1888. Loud, un avvocato e inventore occasionale, voleva una penna a inchiostro che sarebbe stato in grado di scrivere su materiali più ruvidi come legno e pelle così come la carta. Il suo colpo da maestro era la sfera d’acciaio girevole, che era tenuta in posizione da una presa. Nel suo brevetto del 1888, scrisse:

“La mia invenzione consiste in un serbatoio migliorato o penna stilografica, particolarmente utile, tra gli altri scopi, per la marcatura su superfici ruvide, come legno, carta da regalo grossolana, e altri articoli in cui non è stato possibile utilizzare una penna ordinaria.”

La penna di Loud era infatti in grado di scrivere su pelle e legno, ma era troppo ruvida per la carta. Il dispositivo è stato ritenuto di non avere alcun valore commerciale e il brevetto alla fine non venne sfruttato. Vari inventori cercarono di migliorare il design di Loud nei successivi  decenni, ma nessuno fu in grado di metterla  in produzione fino a quando non fu messo in produzione negli anni ’30. Bíró fu giornalista in Ungheria, ed usava le penne stilografiche e, quindi, conosceva molto bene i loro inconvenienti.

Si rivolse a suo fratello, Győrgy, un dentista che era anche un chimico di talento; Bíró si era reso conto che l’inchiostro usato nei colori  delle “penne fontane” era troppo lento per asciugarsi e aveva bisogno di qualcosa di più simile all’inchiostro usato sui giornali.

di Nicola Dario

Print Friendly, PDF & Email