Vince di rimonta il Napoli: 2-1 alla Sampdoria nella prima di campionato allo Stadio Diego Armando Maradona

Finisce con una vittoria azzurra il match Napoli – Sampdoria, inizialmente in svantaggio la squadra di casa pareggia e ribalta il risultato. Una partita insidiosa fin dai primi minuti di gioco: una prestazione azzurra certamente segnata dalla stanchezza di Europa League. Arma vincente proprio i cambi che Gattuso ha effettuato ad inizio secondo tempo: una panchina adeguata che finalmente permette una rotazione efficace.

Le nostre pagelle:

Meret 5: Ancora non convince il giovane portiere azzurro. Incerto sulle uscite e nel sistemare la difesa, poteva forse fare qualcosa in più in occasione del primo gol. Poco coinvolto nel secondo tempo, il resto del match niente di esaltante.

Di Lorenzo 5: Praticamente scomparso nell’azione di Jankto che porta alla rete blucerchiata, riesce a riscattare parzialmente la prestazione con maggiore attenzione in fase difensiva e una buona presenza in fase offensiva.

Manolas 6: Correva sul filo il terrore Quagliarella, ma se ne abbiamo sentito parlare poco è stato proprio per la prestazione della coppia dei centrali difensivi azzurri.

Koulibaly 6: Una buona prestazione insieme al compagno di reparto Manolas. Hanno contenuto benissimo l’attacco della Sampdoria.

Ghoulam 6: Una prestazione diligente la sua, senza grandi colpi da ricordare. Difficile riprendersi dopo gli infortuni subiti. Dal 59º Mario Rui 6: Come sempre propositivo spesso tra linee ad accompagnare l’azione, peccato per l’ammonizione nei minuti finali.

Fabian Ruiz 5: Non pervenuto: poco incisivo e tanti palloni perse. Non aiuta la manovra e qualche volta la ostacola, ancora alla ricerca di un equilibrio perso. Dal 45º Petagna 7: Ancora una prestazione di spessore per l’ex centravanti della SPAL. Segna ancora su assist di Lozano e chiude una partita ancora in bilico.

Demme 5: Non esattamente lo stesso giocatore visto in campo nelle ultime partite, gioca circa un’ora ma non lascia il segno. Dal 59º Bakayoko 6: La difesa è compatta e lui ne diventa l’ultimo baluardo in campo: dopo il vantaggio ha praticamente bloccato la Sampdoria.

Politano 5: Sarà stata la stanchezza stasera a renderlo inoffensivo, dopo alcune pregevoli prestazioni non è riuscito ad incidere sul match. Gattuso lo sostituisce alla fine del primo tempo. Dal 45º Lozano 7: Il migliore degli azzurri. Di lui ancora qualcuno dice che lo scorso anno cadeva sempre, ma questo giocatore non è lo stesso di un anno fa. La partita la cambia lui: entra, segna e serve a Petagna l’assist per chiuderla.

Zielinski 6: Una partita sufficiente quella del polacco che pure contro la Real Sociedad aveva dimostrato molto di più in campo. Dal 76′ Lobotka S.V.

Insigne 6: Non è al topo il capitano azzurro e si vede, ma gioca comunque un buon calcio. Alcune sue solite giocate verso la porta ma niente di preciso.

Mertens 6: Messo solo in attacco non riesce ad incidere, con l’ingrasso di Petagna si arretra e ritrova equilibrio. Pregevole il cross per Lozano che porta il messicano a pareggiare.

Gattuso 7: Ha una buona panchina e la usa bene! Con tanti impegni durante la settimana i ritmi serrati permettono ben poco riposo. I cambi questa volta sono stati decisivi e soprattutto tempestivi, una rotazione necessaria in previsione dei prossimi impegni. Un primo tempo negativo completamente riscattato dalla compattezza del gioco della seconda frazione.  La musica sarà certamente diversa nei prossimi big match che vedranno gli azzurri contro Inter e Lazio.

Print Friendly, PDF & Email