Napoli – Juventus, la partita dai mille risvolti

Updated 2023/01/13 at 5:18 PM
5 Minuti per la lettura

Primo scontro di Campionato per Napoli e Juventus, in scena al Maradona la partita che ogni volta assume sempre significati diversi

Torna lo scontro che agita le tifoserie più di un derby, Napoli – Juventus è una partita che viene sempre intrisa di profonde recriminazioni e reconditi significati. Questa volta le protagoniste vivono il momento al contrario rispetto agli ultimi anni: il Napoli capolista che respinge le inseguitrici a suon di vittorie e conferme, la Juventus che ha ripreso la sua rincorsa alla vetta dopo essersi ritrovata lontana dal primo posto come non accadeva da anni.

La partita contro l’Inter, per quanto abbia segnato il primo stop per i napoletani, non ha visto rallentare la loro corsa ed ecco che stampa e opinionisti della domenica hanno battezzato la Juventus come vera pretendente al titolo.

Qualunque cosa accada, non dovremo destabilizzarci

La posizione di classifica vede il Napoli a +7 punti sulla seconda e terza (Juventus e Milan) e +10 sulla quarta (Inter). Ma siamo solo alla 18esima su 38 match da disputare, il campionato è ancora lunghissimo e tutto può ancora accadere. Ciò non toglie che da entrambe le parti si scatenino polemiche sul passato, tirando dentro tutto: dalla storia dell’Unità d’Italia alle ultime vicende giudiziarie che hanno visto protagonisti i bianconeri.

Parlano gli ex che hanno sempre qualcosa da recriminare, questa volta è il turno di Arek Milik che sembra avere il dente avvelenato. In realtà. la storia ci racconta che la sua ultima stagione in maglia azzurra è stata fallimentare per sua scelta, il suo addio accompagnato dai sospiri di rimpianto prima e di sollievo poi dei tifosi napoletani. Anche lui, come Higuain, torna per avere la sua rivalsa. Daremo soddisfazione anche a lui, come accaduto al Comandante Sarri che pur di allenare la squadra dei suoi sogni ha fatto un passaggio in Premier per non essere troppo sfacciato.

A Napoli diciamo  «Chella cammisa ca nun vo sta cu tte, pigliala e stracciala», Hanno fato qualunque cosa per andare a vincere, ancora noi tifosi non ci spieghiamo perchè adesso abbiano sempre qualcosa da recriminare quando tornano da avversari…

Napoli-Juventus: chi giocherà stasera?

Infermeria vuota per mister Spalletti che stasera potrà scegliere la sua formazione senza timori. Nel caso, i dubbi potrebbero esserci per la gestione delle posizioni: in difesa il dubbio tra Mario Rui e Oliveira, quest’ultimo ha dato modo al portoghese di rifiatare in più di un’occasione trovando subito la sinergia giusta con la squadra; il tridente d’attacco, invece, potrebbe vedere in ballottaggio Politano e Lozano.

Questa la probabile formazione:

1 Meret, 22 Di Lorenzo, 3 Kim Min-Jae, 33 Rrahmani, 6 Mario Rui, 20 Zielinski, 68 Lobotka, 99 Anguissa, 21 Politano, 9 Osimhen, 77 Kvaratskhelia.

Panchina: 12 Marfella, 30 Sirugu, 24 Bereszynski, 55 Ostigard, 5 Juan Jesus, 17 Olivera, 23 Zerbin, 91 Ndombele, 4 Demme, 70 Gaetano, 7 Elmas, 81 Raspadori, 11 Lozano, 18 Simeone.

A noi altri il compito di tifare, comportandoci da tifosi

Il rischio c’è stato: dopo gli scontri con i tifosi romanisti, quelli del Napoli hanno corso il rischio di non assistere a questo match e non è escluso che alle Curve venga impedito in futuro di seguire gli azzurri in trasferta. Le Procure sono ancora all’opera per trovare la giusta punizione per entrambe le tifoserie.

Viene da chiedersi: perché? Perché non siamo in grado di sostenere la nostra squadra del cuore restando nella dimensione di tifoso appassionato senza scadere in quella di facinoroso ai limiti della legalità. Cosa spinge queste frange esagitate a comportarsi in un modo che poco ha a che vedere con il tifo da stadio resta un mistero. Uno sfogo, probabilmente, di frustrazioni personali che non dovrebbero mettere a rischio la voglia di sostenere la propria squadra di quei tifosi che spesso si spingono lontano chilometri pur di esserci.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *