La verità nel processo penale: Il 27 settembre un convegno a Lagonegro

33

In Basilicata un incontro studio sulla verità nel processo penale: Il 27 settembre un convegno a Lagonegro

Può sembrare ovvio affermare che l’avvocato deve rapportarsi ai clienti osservando i doveri imposti dal codice deontologico forense, come quelli di fedeltà o diligenza e che ciò garantisce agli stessi la qualità della prestazione professionale, ponendo in capo all’avvocato il dovere di diligenza, che si estrinseca nello svolgimento dell’attività forense con coscienza e altrettanta diligenza.

Ma viene da chiedersi anche nello stesso momento; è possibile parlare di verità in un processo quando si è consapevoli della colpevolezza del cliente? E se si, di quale o quali verità si discute?Si dice anche che la verità storica sia irraggiungibile; le altre sono quelle che si raggiungono lungo tutto lo svolgimento del processo e di di conseguenza, verità a metà o verità instabili.

Ed è proprio su questo tema che ci potrà interrogare e formare un incontro studio presso il Palazzo di Giustizia di Lagonegro sede della  Struttura Territoriale della Scuola Superiore della Magistratura della Basilicata il 27 settembre alle ore 15:30 dal titolo “La verità nel processo penale. L’avvocato può difendere chi sa colpevole sostenendone, l’innocenza”.

Ad introdurre e moderare la sessione dei lavori, l’Avvocato e Giudice Onorario di Pace Michele di Iesu, formatore decentrato della magistratura onoraria in Basilicata. A seguire gli interventi di due personalità altrettanto di spessore, l’Avvocato Giovanni Sofia responsabile del Laboratorio Permanente Esame e Controesame e giusto processo della sezione di Salerno che relazionerà sui profili deontologici del rapporto tra l’avvocato e la verità e che precederà la discussione del magistrato Dott. Gerardo Salvia addetto al Gabinetto del Ministro della Giustizia sul tema dell’obiettività del pubblico ministero sul contrasto tra verità storica e processuale.

La conclusione dei lavori è affidata al Dott. Trivelli giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Lagonegro che si occuperà di sviluppare il tema della ricerca della verità sotto il profilo di un processo di stampo accusatorio e una motivazione costituzionalmente orientata a cui seguirà un dibattito finale con i partecipanti che vorranno intervenire.

di Antonio Di Lauro

Print Friendly, PDF & Email