Junko Kato fa tappa a Napoli con tre date da non perdere!

Junko Kato fa tappa a Napoli

Junko Kato è una nota cantante giapponese diventata grande interprete della canzone napoletana e italiana eseguendo, tra le altre, Luna Rossa, Dicitencello vuje, Perdere l’amore, Testarda io, Dio come ti amo. Ha portato al successo in Giappone, in duet con Andrea Sannino, la canzone Abbracciame, di cui ha inciso anche la versione in giapponese, “Dakishimete”.

Dal prossimo 30 aprile tornerà in Italia facendo tappa, ovviamente, a Napoli, dove si esibirà in varie location non solo napoletane. L’evento più ‘importante’ sarà ovviamente la serata di apertura del suo tour partenopeo, organizzato dalla Associazione “In Giro per Voi”, alla Casina Pompeiana in Villa Comunale mercoledì 2 maggio dalle ore 20:00 in collaborazione con la Associazione “Il Primo Abbraccio”. Oltre alla esibizione canora di Junko, accompagnata al pianoforte dal M° Casimiro Erario, si potrà anche visitare la struttura comunale, punto d’ascolto dell’Archivio Storico RAI della Canzone Napoletana, dove sono allestite due mostre.

La prima mostra – pittorica – dal titolo “Immaginaria 2018“, a cura di un collettivo di artisti napoletani facenti capo alla associazione “Opvs Continvvm“, sta riscuotendo un notevole successo di pubblico mentre la seconda mostra – fotografica – allestita per l’occasione, con il titolo esplicativo “ Junko&Napoli”, è una personale di Daniele Caramagna in collaborazione tecnica con “Foto Diego”, concessionario Leica per la Campania. Nel corso della serata verrà offerto un piccolo rinfresco dal “121 Sushi n’ bar” di via Carducci e dalla “Enoteca Coronas” di via Diocleziano.

Si ringrazia il Comune di Napoli, nella persona dell’Assessore alla Cultura e Turismo, Nino Daniele, per aver concesso la possibilità di realizzare questa serata di arte varia incentrata sulla canzone napoletana e sulla specificità della location storicamente destinata a Padiglione delle Belle Arti e recentemente convertita anche a Centro di Documentazione sulla canzone ed in particolare, ovviamente, sulla canzone napoletana.

Dopo questa prima serata di taglio più ufficiale venerdì 4 maggio, Junko si esibirà in “solitario” in una cena-spettacolo organizzata in un suggestivo locale alle porte di Chiaia nato dalla fusione tra un moderno ristorante giapponese e una tradizionale caffetteria, il 121 sushi n’ bar di via Carducci, la cui filosofia ben si racchiude in queste semplici parole “ Il piacere di stare a tavola si fonde con quello di lasciarsi trasportare dalla musica”, filosofia che ricorrendo ad una cucina innovativa non ha paura di sperimentare rimanendo fedele al principio di cucina sana, buona da mangiare e bella da vedere: una raffinata selezione di cocktail e centrifughe da abbinare a percorsi degustativi ideali per un pranzo salutare o un aperitivo esclusivo. Il suo primo sushi chef, Irina Avandei, dietro consulenza di Ignacio Hidemasa Ito (protagonista indiscusso di alcune delle realtà più importanti di Napoli) offre al pubblico piatti sempre nuovi, ideali per chi è alla ricerca di una cucina insolita, sana e sorprendentemente buona.

Successivamente sabato 5 maggio altra serata dedicata al “cibo”, questa volta nello spirito della tradizione napoletana con la cena-spettacolo al Ra Ristovago di Pozzuoli, un ristorante ispirato dal mare, dove gustare piatti tradizionali rivisitati nella forma e nel colore, ottimi drink e ascoltare buona musica con un menù costruito in base alle esigenze del cliente. Al Ra, Junko si esibirà con ospiti a sorpresa, per una simpatica esperienza all’ombra della contaminazione ma sempre nel solco della più caratteristica tradizione musicale napoletana.

La serata sarà introdotta da Giulia Di Costanzo e Junko sarà accompagnata dal chitarrista Franco Mayer, uno degli ultimi posteggiatori e da Pasquale Terracciano, tammurraro e ricercatore di tradizioni e canti popolare dell’hinterland vesuviano.

La Redazione

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.