Il 2 giugno dalle 10 alle 13 è prevista una visita guidata speciale all’interno del Bosco Vecchio, in occasione dell’iniziativa nazionale “Incontriamoci in Giardino” che vede coinvolti numerosi parchi e giardini storici lungo tutta la penisola.

La visita, della durata di tre ore, avrà inizio all’ingresso del Parco, da dove ci si incamminerà fino al bosco vecchio.

Qui, tra incursioni teatrali e attività multisensoriali, i visitatori avranno modo di scoprire la parte più antica del Parco Reale, appartenente ai principi di Acquaviva prima di essere acquistata da Carlo III di Borbone.

La visita al Bosco Vecchio è aperta e gratuita per tutti i visitatori che avranno acquistato un biglietto di ingresso al Palazzo Reale o al Parco per di sabato 2 giugno.

Il Bosco Vecchio fu realizzato fra la fine XVI ed i primi decenni del XVII dai principi Giulio Antonio e Andrea Matteo Acquaviva. In modo da rispettare l’ambiente naturale, Vanvitelli decise di non cambiarne radicalmente la struttura, ne addensò solo la vegetazione. Il posto era usato come “giardino segreto” per il divertimento e il riposo del sovrano e della corte.

Il Bosco nasconde la Castelluccia, una piccola torre circondata da un fossato. Fu usata per il divertimento del giovane Ferdinando IV, dove ricreava delle finte battaglie.

L’iniziativa rientra nel programma di “Incontriamoci in Giardino”, manifestazione promossa dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale e ha lo scopo di invitare il pubblico a scoprire la sorprendente ricchezza storica, artistica, botanica e paesaggistica dei giardini italiani.

di Flavia Trombetta