Il Napoli Teatro Festival approda al Museo e Real Bosco di Capodimonte

informareonline-napoli-teatro-festival-(1)

Arte e Teatro insieme. Un vero sogno.

Dal 1° al 31 luglio il Napoli Teatro Festival inaugura la stagione 2020 e lo fa scegliendo moltissimi luoghi all’aperto, coinvolgendo 3 cortili del Palazzo Reale, la Reggia di Capodimonte con altre location del Bosco, per 19 luoghi complessivi individuati tra palazzi, anfiteatri, ma anche spiagge. Al chiuso nella cornice del Teatro San Carlo si terrà solo il concerto del maestro Roberto De Simone. Gli eventi complessivi in cartellone per quest’anno saranno 130.

informareonline-napoli-teatro-festival-(2)

Di questi oltre 30 spettacoli si terranno nel Museo e Real Bosco di Capodimonte nel Cortile della Reggia (Porta Piccola) e nelle aree della Fagianeria e del Casino della Regina (Porta Miano). La bellezza della Reggia e del Parco di Capodimonte incontrerà dunque, nel corso di queste prossime settimane il teatro nazionale, con spettacoli di teatro, musica e con letture.

I possessori di biglietto dell’edizione 2020 del Napoli Teatro Festival Italia negli spazi all’aperto del Real Bosco di Capodimonte avranno diritto ad una visita museale gratuita in loco nei giorni successivi alla rappresentazione. Un nuovo valore aggiunto ed una nuova collaborazione. Collaborazione fortemente voluta da Sylvain Bellenger, direttore del Museo e del Real Bosco di Capodimonte e Ruggero Cappuccio direttore artistico della Fondazione Campania dei Festival, a testimonianza del legame tra diverse anime della cultura.

Inoltre, il ricavato degli spettacoli inseriti nella sezione Musica presso Capodimonte sarà devoluto in beneficenza all’Istituto nazionale tumori “Fondazione Pascale” di Napoli, mentre per ciò che concerne la durata di validità dei biglietti acquistati, vidimati per lo spettacolo, questi resteranno validi fino al 31 agosto 2020.

Si partirà il 3 luglio con “Bed Boy Jack” nella Real Fagianeria, per poi passare il 4 luglio in Cortile con “La vita davanti a sé” con la regia di Silvio Orlando, il 7 luglio andrà in scena una piece tratta da uno scritto di Ruggiero Cappuccio “Settimo senso”; per poi lasciarsi trasportare verso racconti ispirati ai frammenti dell’Aléxandros di Euripide, agli ultimi momenti di vita di Frida; Joele Anastasi ci racconterà la genesi di David; ci sarà un omaggio alla figura di Filumena Marturano, torneremo al racconto della vita di Cesare Pavese nella ballata a lui dedicata; Lina Sastri metterà in scena la Maria Maddalena di Marguerite Yourcenar. Un Festival pieno di idee e di energia, in una location da sogno.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email