“Il confine” dal 30 settembre in libreria: primo volume della trilogia “Awen”

112
informareonline-il-confine-dal-30-settembre-in-libreria-primo-volume-della-trilogia-awen
Pubblicità

«L’Awen passa attraverso tutto ciò che vive, compresi noi, lo fa continuamente, senza mai stancarsi di portare vita e ispirazione». Il primo libro di una trilogia fantasy è la novità di Marlin editore in uscita nelle librerie e store online il 30 settembre 2021. Con “Awen. Il confine” (pagine 432, € 18,50) di Monica Zunica, già autrice di romanzi e racconti, la casa editrice di Tommaso e Sante Avagliano inaugura la collana di fantasy e mistery “Mondi sommersi”. La scrittrice coniuga elementi della tradizione fantasy con omaggi sorprendenti ad Anna Maria Ortese, Dino Buzzati, Tacito e Matilde Serao in una combinazione letteraria originale.

Significativo il commento dello scrittore Maurizio de Giovanni, che firma l’introduzione: «State per leggere qualcosa di profondamente diverso da tutto quello che avete letto nella vostra vita. Un fantasy, si potrebbe… Qui però, ed è una differenza fondamentale, ad alterare un flusso fin troppo noto e prevedibile e a rendere la lettura un’esperienza profondamente unica ci sono contaminazioni e riferimenti apparentemente così lontani e perfino contrapposti da lasciare a bocca aperta.»

Pubblicità

Si tratta di una trilogia fantasy in cui elementi della mitologia celtica e della cultura italiana per la prima volta si fondono in un’unica storia con personaggi, provenienti dalla letteratura, che hanno l’opportunità di modificare il proprio destino per portare a compimento un’antica profezia.

Dal Galles del V secolo ai nostri giorni, una ragazza lotterà senza sosta per far riemergere l’Awen, il potere che domina il Destino del mondo.

«Ho lavorato molti anni a questo progetto e mi attirava l’idea di una trilogia in cui personaggi storici o provenienti dalla letteratura avessero la possibilità di cambiare il destino grazie a questo potere: l’Awen. Da qui un’opera che è frutto di studi e passioni in campi letterari differenti ma che, mescolandosi, danno vita a nuove stimolanti contaminazioni», evidenzia Monica Zunica.

L’opera “Awen” prende spunto da un’antica leggenda gallese (“Storia di Taliesin”) per raccontarne un immaginario prosieguo ma è ambientata tra le montagne del Molise (Monte di Mezzo), in un mondo non visibile (Terre dell’Awen) e nella Napoli del 1595. Awen è una parola gallese e nella sua radice “wel” vuol dire soffio. Tramandata oralmente da tempi antichissimi, è stata trascritta per la prima volta nella “Historia Brittonum” di Nennio, nel 796 d.C., dallo storico Gildas di Rhuys.

L’Awen era l’ispirazione poetica che donava agli antichi bardi una sapienza profetica. «Il simbolo dell’Awen fu per la prima volta introdotto da Iolo Morganwg (1747-1826), poeta e antiquario gallese. In una raccolta di testi da lui pubblicata, il simbolo rappresenta l’inizio della vita. I tre segni corrispondono a lettere primordiali dalle quali derivano tutti gli alfabeti ed esprimono amore, conoscenza e verità. Successivamente questo simbolo è stato adottato da diverse correnti neodruidiche, assumendo un significato di flusso vitale che dona ispirazione, energia e tranquillità», spiega l’autrice.

La storia

Diana, all’età di sette anni, svanisce nel nulla insieme alla madre in un bosco del Molise. La madre non verrà ritrovata mentre Diana ricomparirà una settimana dopo ben vestita e pettinata, come se nulla fosse accaduto. Della settimana trascorsa Diana non avrà ricordi e, per i dieci anni successivi, non sarà più capace di parlare.

La vita di Diana cambia dal giorno del suo diciassettesimo compleanno, quando strani sogni le restituiscono la voce e la spingono a fuggire di casa per raggiungere il bosco (Monte di Mezzo) in cui dieci anni prima era scomparsa la madre. Durante il viaggio viene aggredita da un gruppo di uomini armati e fuggendo non si rende conto di aver oltrepassato un portale magico, un confine che divide il mondo da lei conosciuto dalle Terre dell’Awen.

Inizia per lei un percorso difficile, durante il quale incontra numerosi personaggi, come i gemelli Jago e Kei, Liam, un ragazzo di cui si innamorerà perdutamente, e Artagos, un Fferrylt potente e ambiguo che millecinquecento anni prima ha assorbito il potere oscuro dell’Awen. Diana scopre di essere la depositaria di un antico sapere, quello delle Custodi, una stirpe di donne destinate a proteggere, a costo della propria vita, il potere dell’Awen. Il suo cammino non sarà privo di pericoli: il più grande di questi è incarnato da un despota di nome Morfran (personaggio conosciuto anche come Afgaddu nella leggenda “La storia di Taliesin”).

L’unico modo che Diana ha di vincere è quello di trovare quattro Guardiani: creature che hanno preso vita dalle pagine di Anna Maria Ortese, Dino Buzzati, Tacito, Matilde Serao. Per assicurarsi la loro collaborazione, Diana cercherà di far recuperare la memoria a queste creature, proteggere ciò che ama e scoprire la verità sulla scomparsa della madre.

L’Awen e il destino

Awen è anche un mondo in cui è possibile modificare il proprio destino, così come accade ad una una regina vissuta duemila anni fa e raccontata da Tacito e a personaggi letterari provenienti dalle pagine di Anna Maria Ortese, Dino Buzzati e Matilde Serao. Un nuovo destino sarà possibile per Morfran e Keridwen, dalla leggenda gallese “Storia di Taliesin” trascritta nella metà del XVI secolo da Elis Gruffydd. Un’opportunità di riscatto, infine, l’avrà anche un’eretica molisana condannata dall’Inquisizione nel 1615.

La citazione

«L’Awen è l’energia che ha reso possibile la combinazione tra i quattro elementi, affinché dalla loro unione alchemica e ancestrale potesse nascere la vita. L’Awen passa attraverso tutto ciò che vive, compresi noi, lo fa continuamente, senza mai stancarsi di portare vita e ispirazione».

Il tour letterario

Dal mese di ottobre partirà un tour letterario nazionale (una quindicina di date nelle librerie) di presentazioni del libro e, per l’occasione, saranno messi a disposizione abiti antichi, scudi e spade per sentirsi parte di un mondo di cui c’è sempre più bisogno: quello della fantasia. I lettori e le lettrici che desiderano “diventare” un personaggio del libro potranno farlo, partecipando a uno spettacolo che combina la letteratura con canti e danze.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità