Igiene personale: le regole quotidiane fondamentali

informareonline-igiene
La cura della propria persona passa anche, e soprattutto, attraverso una corretta igiene quotidiana. I benefici non si limitano alla sfera fisica e incidono positivamente anche sull’umore. Scopriamo insieme i passaggi fondamentali da seguire giorno dopo giorno.

Curare correttamente la propria igiene non serve solo ad evitare sgradevoli odori fisiologici, aiuta anche l’organismo a rimanere in buona salute. Siamo costantemente circondati da una moltitudine di germi e batteri che il nostro corpo sa riconoscere e combattere naturalmente con le proprie risorse, ma per farlo deve potersi trovare in condizioni di piena efficienza. Uno stato di benessere fisico aiuta a mantenere alte le difese immunitarie, proteggendo noi stessi e chi ci sta intorno da agenti patogeni e infezioni anche contagiose. Una scarsa cura del proprio corpo, di contro, può causare un indebolimento del sistema immunitario e renderci più indifesi dal contagio di virus di diversa natura. Inoltre, questa condizione può innescare un abbassamento dell’autostima, con conseguenze negative sull’umore e sulle relazioni con gli altri. L’igiene personale va dunque eseguita quotidianamente e con premura, come se ci stessimo prendendo cura di un neonato. Per farlo è importante tenere a mente le più comuni procedure di pulizia quotidiana e utilizzare i prodotti come cosmetici e saponi specifici per l’igiene personale che sono comodamente reperibili anche in farmacie online come ad esempio shop-farmacia.it. Ogno persona ha bisogno di un prodotto che rispetti le sue personalissime esigenze mediche o di preferenza.

 

Qualche consiglio

Quali sono le procedure che ci garantiscono un’igiene personale adeguata? In realtà non esistono trucchi o formule magiche, ma è sufficiente che alcuni piccoli gesti entrino a far parte della nostra routine quotidiana. Poche e semplici azioni da ripetere ogni giorno:
Lavarsi le mani, strofinandole bene per almeno 30 secondi dopo averle cosparse abbondantemente di sapone sia sul palmo che su dorso e polso. Va fatto sempre prima di mangiare e dopo aver toccato animali, rifiuti, cibi crudi, naso, orecchie, parti intime o la tastiera del pc. Bisogna farlo ogni qualvolta si è stati in ospedali o luoghi affollati.

Lavarsi i denti tre volte al giorno, in ogni caso dopo ciascun pasto. È bene aspettare 15-20 minuti dal termine del pasto perché nella prima fase digestiva il ph della bocca si altera, e l’azione di dentifricio e spazzolino potrebbe rovinare lo smalto. Spazzolare i denti per non meno di 2 minuti, e non più di tre, avendo cura di pulire anche la lingua. 

Farsi la doccia due o tre volte a settimana, a meno che non si pratichi costantemente attività sportive, una frequenza superiore non serve o potrebbe danneggiare pelle e cuoio capelluto. Lavare le parti intime con saponi specifici e non più di due volte al giorno, per evitare di creare secchezza alla pelle nella zona dei genitali

Pulire le orecchie una volta al giorno, eliminando il cerume, se presente, con emollienti specifici, meglio evitare i cotton fioc. Cambiare spesso la biancheria intima, anche due volte al giorno nei periodi più caldi o in condizioni di stress accentuato.

Cambiare le lenzuola una volta a settimana durante le stagioni più fredde, due volte a settimana in estate. Cambiare gli asciugamani due volte a settimana, avendo cura di riporli solo quando sono perfettamente asciutti, al fine di evitare la formazione di cattivi odori.

Quando la stagione lo consente, è preferibile stendere la biancheria al sole, anziché in casa, o in asciugatrice: la luce diretta del sole funziona da efficace disinfettante contro germi e batteri. 

Queste semplici regole valgono per tutti, ma alcuni soggetti, come donne in gravidanza e anziani, dovrebbero prestare maggior attenzione alla propria igiene.  

Gli anziani dovrebbero utilizzare saponi particolarmente delicati, privi di profumi e non alcolici, piuttosto ricchi di liquidi. La pelle va sfregata delicatamente durante il lavaggio, per evitare di danneggiarla, in quanto più secca e sottile rispetto a quella di un giovane. 

Print Friendly, PDF & Email