Caserta, verso le comunali: Del Gaudio e Bove si presentano

146
informareonline-del-gaudio-e-bove-programma
Pio Del Gaudio ed Enzo Bove presentano i candidati e il programma elettorale. Fonte: Movimento Città Futura
Pubblicità
Il 10 settembre il candidato sindaco Pio Del Gaudio ha presentato ufficialmente i candidati consiglieri e il programma elettorale. L’evento, ospitato dal locale “Radici clandestine”, è stato l’occasione per discutere con Enzo Bove di alcuni aspetti del suo progetto politico.

Elezioni: Del Gaudio presenta la squadra

Il 3 e 4 ottobre, giorni in cui i cittadini casertani saranno chiamati alle urne, sono alle porte. Appaiono ormai ben delineati gli schieramenti che prenderanno parte alla tornata elettorale. Tra le squadre pronte alla sfida per palazzo Castropignano quella capitanata da Pio del Gaudio, già primo cittadino di Caserta dal 2011 al 2015. Candidato del polo civico Città Futura, Del Gaudio si presenta agli elettori con l’appoggio di nove liste. “È un risultato incredibile!”, commenta Enzo Bove, l’altra punta di Città Futura. Già a luglio il gruppo civico aveva annunciato l’intenzione di proporre Del Gaudio e Bove per la carica, rispettivamente, di sindaco e vicesindaco.

Un’assegnazione di ruoli meramente formale, come confermato da Del Gaudio: “Noi siamo due!”, ha sottolineato nel discorso di presentazione ufficiale dei candidati e del programma elettorale, tenutosi ieri sera in Piazza Aldo Moro. Ha poi aggiunto: “Ci siamo uniti per il bene della città”.

Pubblicità

La collaborazione Del Gaudio-Bove

L’intesa tra i due è forte: è un “connubio tra nuovo ed esperienza”. Cosa significhi ce lo ha chiarito meglio Enzo Bove, che abbiamo avuto l’occasione di conoscere nella serata di ieri. “Pio ha messo a disposizione la sua esperienza sia positiva che negativa: l’aver vissuto anche gli aspetti meno rosei della politica vuol dire conoscere quali strade non devono essere percorse.” La candidatura è improntata alla collaborazione su un piano paritario. “Abbiamo condiviso la metodologia di selezione dei candidati”, ha dichiarato Bove. “Persone competenti, ciascuna nel suo microcosmo, che vivono la città e che hanno deciso di dare il loro contributo.” Decisivo il ruolo dei candidati consiglieri per la stesura del programma, chiamati ad un confronto costruttivo. “Mettendo insieme le idee di tutti è nato un laboratorio politico, che è la base: un uomo da solo al comando non può nulla.”

Commercio cittadino: criticità e strategie

Alle spalle una formazione economica: alla Parthenope di Napoli prima e all’Università di Berkeley in California poi. Invitato a chiarire come intenda dare nuova linfa al commercio al dettaglio nel centro di Caserta, non ha esitazioni: “A Caserta, a differenza che in altri piccoli comuni della provincia, è mancato un bonus al commercio cittadino. L’amministrazione precedente ha guardato ad altro: a macro-progetti, a grandi consulenze. A Caserta mancano le basi: sicurezza, viabilità, illuminazioni, manutenzione del verde pubblico, decoro urbano. Dobbiamo offrire queste garanzie a imprenditori e commercianti che vogliono investire in città e poi costruire qualcosa di più grande”. Non è l’unico appunto all’amministrazione uscente: non va, infatti, esente da critiche, l’ordinanza anti-movida che impone restrizioni per la vendita di alcolici tra le 22 e le 8. “I commercianti sono contribuenti e l’amministrazione comunale deve offrire loro dei servizi e regole certe cui attenersi. Non possono pagare sempre loro: se i bar non possono vendere alcool dopo un certo orario sono costretti a chiudere! Piuttosto, controlliamo i ragazzini che portano gli alcolici comprati altrove. Ci vuole il giusto equilibrio: moderazione e rispetto di regole chiare.”

Sicurezza: dai PON al ruolo della scuola e dei centri culturali

Particolarmente sentita anche la tematica sicurezza. “Nel mentre che aspettiamo la realizzazione di un impianto di videosorveglianza, i PON sicurezza possono venirci in aiuto. Nella stessa direzione muove l’Operazione Strade Sicure.” Sul punto si esprime con fermezza anche la candidata al consiglio comunale Matilde Pontillo, delegata per la cultura e per l’istruzione, che ha curato la stesura del programma elettorale. “La prevenzione e il contrasto agli episodi di violenza parte dalla scuola. Le ore passate trai banchi devono servire, tra l’altro, ad imparare i principi costituzionali e la sostenibilità, declinata come tutela dell’ambiente ma anche del prossimo.” La scuola, però, arriva fino ad un certo punto. “È importante che la formazione si proietti anche fuori dall’ambiente scolastico. Luoghi come Carditello, il Teatro Comunale, Casertavecchia, il Chiostro di Sant’Agostino, devono tornare ad essere centri di incontri culturali. Sarà vincente la collaborazione tra giovani e meno giovani: l’unione di padronanza del digitale e esperienza, intesa come consapevolezza delle criticità e delle potenzialità del territorio.”

Gli altri candidati

Del Gaudio dovrà confrontarsi con altri sei candidati. I due principali avversari politici sono Carlo Marino, eletto alle amministrative del 2016 con il centrosinistra, appoggiato da sette liste, e Gianpiero Zinzi, candidato del centrodestra nonché capogruppo della Lega in consiglio regionale, sostenuto da otto liste. Altri candidati civici sono Raffaele Giovine, Ciro Guerriero, Errico Ronzo.

di Ilaria Ainora

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità