informareonline-pietra-inciampo

Aversa: una pietra d’inciampo per tutte le vittime dell’Olocausto

Redazione Informare 28/01/2022
Updated 2022/01/28 at 10:38 AM
4 Minuti per la lettura

Nella mattinata del 27 gennaio, ad Aversa, in piazzetta Don Diana, si è tenuta la celebrazione della giornata della memoria alle pendici della magnolia della legalità.
Scuole, associazioni, autorità civili e religiose, tutti affinché questo giorno così importante restasse impresso nella mente dei tanti bimbi, delle tante scuole presenti, ed a tal proposito si ringraziano le scuole: “De Curtis, Parente, Cimarosa, Wojtyla e Pascoli.”

Indice
Antonio Portaro, uno degli organizzatori dell’evento, in rappresentanza dell’Unicef, del dono, e della mappa della solidarietà ha invece commentato: “La giornata di oggi deve essere la giornata della consapevolezza, deve rappresentare un monito per le future generazioni oggi presenti. La missione era quella di far vivere un vero giorno della memoria ai tanti bambini presenti, i quali sono stati anzitutto per troppo tempo privati del contatto umano a causa della pandemia, e sopratutto, con l’installazione di una Stolpersteine, ovverosia di una pietra d’inciampo, riuscire a far capire loro la sofferenza, atroce, di quegli anni bui, affinché cose del genere non si ripetano mai più, si veda anche quanto accaduto vicino Livorno 48h fa. Bisogna sensibilizzare partendo dalle scuole, educando i ragazzi a non discriminare.”Il professor Fortunato Allegro, presidente della libreria solidale “il dono” ha così concluso: “Questa bella giornata della Memoria mi auguro che sia seguita da un atto che riteniamo doveroso per un’Amministrazione Comunale, che condivida, in maniera non rituale, i valori che hanno ispirato l’evento di oggi della pietra di inciampo sotto l’albero di Magnolia di Piazza Don Diana. Ci aspettiamo che si dia seguito alla nostra richiesta di concessione di cittadinanza onoraria per la senatrice Liliana Segre, per l’alto valore della sua testimonianza pedagogica sulla Shoah. Saremo felici di partecipare ad un Consiglio comunale straordinario in cui, con le associazioni della Mappa della Solidarietà, ma anche di altri sodalizi, sia possibile festeggiare l’avvenuta concessione della cittadinanza onoraria. Sarebbe un passo iniziale significativo verso una più sinergica coprogrammazione tra Terzo Settore e Amministrazione Comunale.”

Il tutto, alla fine, culminato con lo scoprimento, ad opera di sua Eccellenza, Monsignor Spinillo, del sindaco di aversa Alfonso Golia, e del Professor Fortunato Allegro della pietra d’inciampo dedicata ad Anne Frank ed a tutte le vittime dell’Olocausto.
La pietra, fra le tante cose, ad eccezione di Napoli, è la seconda del sud Italia.

Mariano Scuotri, consigliere comunale della città di Aversa, ed organizzatore dell’evento si è così espresso: “Oggi ad Aversa, insieme con il coordinamento di associazioni e scuole denominato Mappa della Solidarietà, Caritas Aversa, Libreria il Dono e Unicef abbiamo voluto trascorrere questo freddo e soleggiato 27 gennaio così, apponendo una pietra d’inciampo, una Stolpersteine, in memoria di Anne Frank e simbolicamente in memoria di tutte le vittime dell’Olocausto, dedicando loro l’aiuola ai piedi della magnolia vicino al Municipio.Man mano poi, quell’aiuola adesso vuota fiorirà e simboleggerà il seme che porta frutto, restituendo la dignità della memoria a tutte quelle vite spezzate dalla crudeltà di pochi folli. In modo particolare voglio ringraziare per essere intervenuti il Prof Fortunato Allegro, sempre fonte di ispirazione per queste iniziative, e il Prof Francesco Villano, che ci ha regalato uno spaccato storico della shoah dal punto di vista della Comunità Ebraica.”

Antonio Portaro, uno degli organizzatori dell’evento, in rappresentanza dell’Unicef, del dono, e della mappa della solidarietà ha invece commentato: “La giornata di oggi deve essere la giornata della consapevolezza, deve rappresentare un monito per le future generazioni oggi presenti. La missione era quella di far vivere un vero giorno della memoria ai tanti bambini presenti, i quali sono stati anzitutto per troppo tempo privati del contatto umano a causa della pandemia, e sopratutto, con l’installazione di una Stolpersteine, ovverosia di una pietra d’inciampo, riuscire a far capire loro la sofferenza, atroce, di quegli anni bui, affinché cose del genere non si ripetano mai più, si veda anche quanto accaduto vicino Livorno 48h fa. Bisogna sensibilizzare partendo dalle scuole, educando i ragazzi a non discriminare.”
Il professor Fortunato Allegro, presidente della libreria solidale “il dono” ha così concluso: “Questa bella giornata della Memoria mi auguro che sia seguita da un atto che riteniamo doveroso per un’Amministrazione Comunale, che condivida, in maniera non rituale, i valori che hanno ispirato l’evento di oggi della pietra di inciampo sotto l’albero di Magnolia di Piazza Don Diana. Ci aspettiamo che si dia seguito alla nostra richiesta di concessione di cittadinanza onoraria per la senatrice Liliana Segre, per l’alto valore della sua testimonianza pedagogica sulla Shoah. Saremo felici di partecipare ad un Consiglio comunale straordinario in cui, con le associazioni della Mappa della Solidarietà, ma anche di altri sodalizi, sia possibile festeggiare l’avvenuta concessione della cittadinanza onoraria. Sarebbe un passo iniziale significativo verso una più sinergica coprogrammazione tra Terzo Settore e Amministrazione Comunale.”
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *