Amazon: in arrivo la consegna con i droni

36
informareonline-amazon-in-arrivo-la-consegna-con-i-droni
Pubblicità

Amazon ha reso noto che, entro la fine dell’anno, prevede di effettuare alcune consegne con i droni. La prima città interessata dalla novità sarà Lockerford in California.

La consegna tramite droni

Entro la fine dell’anno, le consegne Amazon saranno effettuate con i droni. La società ha affermato che i clienti Amazon potranno iscriversi a “Prime Air” per beneficiare della consegna gratuita con i droni. Il servizio sarà, in primo luogo, limitato alla città di Lockeford, nella California settentrionale. Successivamente, grazie al feedback della California, sarà possibile espandere il servizio in altri territori.

Pubblicità

Gli articoli “spedibili per via aerea”, protetti da imballaggio, voleranno fino agli indirizzi di consegna. I droni depositeranno i pacchi all’esterno da altezze di sicurezza, poi voleranno via.

La consegna in sicurezza

Grazie ad un sistema sofisticato di rilevazione, i droni sarebbero in grado di evitare aerei, persone, animali domestici e altri ostacoli. “Abbiamo progettato il nostro sistema di rilevamento per due scenari principali: essere al sicuro durante il transito ed essere al sicuro quando ci si avvicina al suolo”, ha affermato l’azienda.

L’utilizzo dei droni è in espansione

La decisione di Amazon sembra essere arrivata in ritardo rispetto ad altre società come Walmart. La multinazionale statunitense ha annunciato a maggio l’aumento del servizio: l’espansione interesserà sei Stati entro la fine dell’anno, fino ad un potenziale di consegna di un milione di pacchi l’anno.

L’utilizzo dei droni come sistema di consegna è, inoltre, oggetto di attenzione di molteplici aziende tecnologiche. Tra queste, Alphabet, la società madre di Google. Già nel 2014, il progetto di droni di Alphabet Wing ha completato le sue prime consegne nelle zone rurali dell’Australia. I droni, come risulta dal sito dell’azienda, hanno trasportato efficacemente forniture di pronto soccorso, barrette di cioccolato, dolcetti per cani e acqua agli agricoltori, per poi, due anni dopo consegnare burritos agli studenti di una università della Virginia.

Pubblicità