zaporizhzhia

Zelensky lancia un appello ai Paesi europei dopo la presa di Zaporizhzhia da parte dell’esercito russo

Redazione Informare 07/10/2022
Updated 2022/10/07 at 5:14 PM
1 Minuti per la lettura

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante un video-collegamento con i Paesi europei ha espresso le sue preoccupazioni sul pericolo di un uso delle armi nucleari, dopo la presa della centrale di Zaporizhzhia da parte dell’esercito russo.

«Tutti noi siamo sull’orlo di un disastro nucleare». Ha ammonito il presidente ucraino.

«La Russia ha portato la guerra nella nostra terra, nella parte ucraina dell’Europa», ha continuato Zelensky che ha anche sottolineato come «solo grazie al fatto che il popolo ucraino ha fermato l’invasione della Russia, quest’ultima non può ancora portare la stessa guerra in altre parti d’Europa, in particolare nei Paesi baltici, in Polonia e in Moldavia».

Per questo motivo, l’Europa deve «rafforzare la cooperazione per aiutare tutti i Paesi e fornirli di adeguate garanzie energetiche», in modo tale da poter neutralizzare quella che resta una delle principali armi in possesso della Russia: la gestione delle risorse energetiche. «Non deve riuscire nel suo intento di costringere gli europei alla povertà energetica o addirittura alla totale mancanza di energia».

Intanto, nella giornata di ieri il presidente russo Vladimir Putin ha emanato un decreto con il quale ha inserito formalmente la centrale ucraina nella lista degli asset federali della Russia, anche se l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ribadito la proprietà ucraina della struttura.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *