WWF Caserta

WWF Caserta: scoperto ennesimo sito di abbandono illecito rifiuti

Grazia Sposito 19/03/2023
Updated 2024/01/17 at 11:55 AM
2 Minuti per la lettura

WWF Caserta nella giornata odierna ha scoperto l’ennesimo sito di abbandono illecito di rifiuti.

Le Guardie ambientali del WWF hanno dato un ennesimo contributo per la salvaguardia dell’ambiente del territorio dove tutti noi viviamo. Stamattina la Guardia Giurata del WWF, Pasquale Gionti, perlustrava la località “Airola” del territorio del comune di Marcianise, precisamente dove c’è il primo sottopasso in direzione macello. La Guardia Giurata volontaria del WWF, Gionti, ha scoperto un ennesimo nuovo sito di abbandono illecito di materiali (una intera cameretta). Composti prevalentemente da truciolato e solventi nocivi.

WWF Caserta: “i rifiuti abbandonati devono essere rimossi”

A tal punto la Guardia Giurata del WWF, Gionti, ha subito allertato la polizia municipale di Marcianise che prontamente si è portata sul luogo della “discarica”. Gli stessi agenti della polizia municipale hanno subito chiamato l’azienda del comune per lo smaltimento dei rifiuti. Gli operatori ecologici sono intervenuti immediatamente per la pulizia ed il ripristino del luogo.
Gli operatori ecologici hanno recuperato tutto il materiale.


Infine tutto il gruppo si è recato anche in un altro luogo di abbandono rifiuti, sempre segnalato dalle guardie giurate del WWF, ed anche lì infine hanno ripulito tutto.
Un enorme Plauso dalla vigilanza WWF va ai vigili urbani di Marcianise e all’azienda Eco car che subito si sono adoperati per ripulire i siti.
Questa è la cosa più importante perché questi rifiuti abbandonati devono essere rimossi subito, soprattutto per evitare che gli stessi vadano inceneriti. Sviluppando tantissime sostanze tossiche, cercando, altresì, di comminare le giuste pene a chi commette questi illeciti contro la Natura e contro la salute pubblica.
Il WWF continuerà ad implementare la vigilanza ambientale per la difesa dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi che ci abitano.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *