Whirpool – Napoli non si tocca!

26

Continuano le contestazioni dei dipendenti Whirpool a seguito dell’annuncio della prossima chiusura dello stabilimento di Napoli. Questa mattina un gruppo di giovani attivisti di Potere al Popolo! ha calato un enorme striscione dal Castel dell’Ovo. “La Whirlpool non si tocca, né chiusura né licenziamenti”, recita la scritta ben visibile dal lungomare affollato.

Un luogo simbolico, scelto per mostrare che tutta la città è stretta intorno alla battaglia dei 430 lavoratori di via Argine che rischiano il posto di lavoro.

L’azienda ha posto una “X rossa” sulla cartina d’Italia in corrispondenza del sito di Napoli. Per questo Potere al popolo! ha rilanciato, sia dalle mura del castello sia dell’ex OPG di Materdei, con una “spunta verde” divenuta simbolo di questa lotta dei lavoratori.

                          https://informareonline.com/wp-content/uploads/2019/06/informareonline-whirpool-2.jpeg

Nessun licenziamento, nessuna chiusura, nessuna promessa di fantomatica ristrutturazione

La richiesta del movimento è chiara: nessun nuovo sacrificio potrà essere chiesto ai lavoratori. Nel corso del tempo, infatti, i dipendenti dello stabilimento Whirpool di Napoli hanno già subito sulla propria pelle le conseguenze delle fusioni e di ben 7 anni di contratto di solidarietà.

Il fantasma di una nuova “ristrutturazione” aziendale sta tenendo banco al tavolo di crisi convocato al Mise. Il Ministero chiede il rispetto del piano finanziario firmato lo scorso ottobre dalla Whirpool.

«Non vogliamo chiudere ma individuare soluzioni per garantire posti di lavoro sostenibili a lungo termine. Oggi una soluzione non l’abbiamo» è quanto avrebbe affermato l’ad Whirpool Italia Luigi La Murgia. Un’affermazione che non lascia spazio a interpretazioni. Mise

Di risposta il Ministro Di Maio ha affermato di voler trattare solo con i dirigenti americani del gruppo e che in caso di chiusura dello stabilimento la Whirpool dovrà restituire i 27 milioni di finanziamenti pubblici ricevuti negli ultimi quattro anni.

Si attendono risposte settimana prossima, quando verrà convocato il prossimo tavolo di crisi.

di Maria Rosaria Race

Print Friendly, PDF & Email