Violenza tra giovani Aversa Napoli

Violenza fra giovani tra Napoli e Aversa, le bande continuano ad assalirsi

Redazione Informare 25/01/2022
Updated 2022/01/25 at 6:19 PM
2 Minuti per la lettura

Violenza fra giovani. La movida si fa sempre più violenta nelle città di Aversa e Napoli. Chi pensa di uscire per fare un giro in centro non sa di star salendo su un ring di pugilato. Sempre più spesso una serata fra amici degenera in lotte fra bande. Molti ragazzi passano molto spesso senza preavviso e senza motivazioni apparenti, se non futili, dai brindisi ai cazzotti. Si ha l’impressione che la violenza sia quasi ricercata.

Ad Aversa – segnala un cittadino al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli – c’è stata una violenta rissa tra giovanissimi che presto si è trasformata in uno contro tutti con un ragazzo che si è ritrovato messo al “tappeto” dal branco mentre veniva tempestato di pugni e calci. Situazione simile anche al centro storico di Napoli, segnalato da un altro cittadino a Borrelli, dove all’esterno di un bar un gruppo di ragazzi si è scontrato a colpi di sedie.

CLICCA QUI PER IL VIDEO 

«Alcuni soggetti evidentemente escono di casa soltanto per commettere violenze e sfogare la propria indole aggressiva con risse e pestaggi, un’indole che viene tirata fuori anche dall’eccesso di alcol che sempre più spesso viene consumato nei luoghi della movida. Non si può pensare di continuare ad andare avanti così, di tollerare queste azioni che spesso coinvolgono e danneggiano le persone perbene. È tempo che forze dell’ordine e magistratura decidano di intervenire in maniera decisa e concreta per porre fine a questo fenomeno culturalmente e socialmente pericoloso con pene esemplari per i violenti che per un niente rischiano di ammazzare una persona. E’ tempo di porre rimedio a questa deriva rieducando i giovani, allontanando i violenti dai luoghi di aggregazione, monitorando e controllando al vendita e la somministrazione di alcolici e presidiano le aree più a rischio», ha dichiarato Borrelli.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.