Vietato fumare: da oggi Milano è sempre più smoking free

Vietato fumare a Milano

Da oggi a Milano è vietato fumare in stadi e parchi. Una disposizione in linea con l’obiettivo “smoking free” da raggiungere nel 2025 quando il fumo sarà sempre vietato all’aperto.

Nuove regole

Non si potrà più fumare nei parchi, alla fermata dei mezzi e allo stadio. Una città smoking free. È la missione di Milano, che dal 19 gennaio inizierà il cambiamento mettendo al bando le sigarette. Sarà vietato fumare all’aperto in alcuni luoghi pubblici, pena una sanzione da 40 euro. Addio dunque alle vecchie abitudini dei fumatori, non sarà più possibile accendere la sigaretta al parco, alle fermate dei mezzi (dal tram, al bus e alla fermata del taxi), nei cimiteri, sugli spalti delle arene e degli stadi.

Verso lo smoking free

Queste nuove norme sul fumo in città sono contenute nel piano ‘Aria’ che il Comune ha approvato lo scorso 19 novembre. In quella data si era già proibito di fumare nelle aree giochi dei bambini e in quelle dei cani. Il nuovo regolamento invece prevede, oltre alle norme sopra citate, anche che dal 2025 le sigarette saranno abolite in tutte le aree pubbliche all’aperto, comprese le strade. Il divieto però non è totale: sono previste deroghe nel caso in cui si stia a una distanza di almeno 10 metri dagli altri. L’amministrazione milanese mira ad applicare le norme con gradualità, per spingere la popolazione a essere consapevole delle nuove regole. Le misure contro le sigarette non solo semplicemente educative: mirano a ridurre una delle fonti dell’inquinamento in città. Secondo i report dell’Arpa, il fumo di sigaretta causa il 7% di Pm10, le polveri sottili che innalzano il livello di inquinamento dell’aria.

Di Pasquale Di Sauro

Print Friendly, PDF & Email