informareonline-victoria's secrets

Victoria’s Secret tra inclusività e politically correct

Chiara Del Prete 18/02/2022
Updated 2022/02/18 at 10:20 AM
3 Minuti per la lettura

Da tempo ormai non si vedono gli angeli di Victoria’s Secret sfilare. Le importanti accuse di non inclusività più volte incassate hanno indotto il marchio di lingerie ad un cambio di rotta. Non solo dal punto di vista comunicativo ma anche nella scelta delle modelle. Sofìa Jirau n’è la prova concreta: ha da pochi giorni annunciato d’essere la prima modella con sindrome di Down ingaggiata da VS.

Un sogno che si avvera per la giovane modella portoricana che ha preso parte alla campagna d’inclusione Love Cloud Collection. Una prova che non esistono limiti e che l’inclusività sociale sia finalmente riconosciuta. Eppure aleggia l’aria di una comunicazione mediatica volta all’approvazione del pubblico, insomma una scelta mirata a compiacere, ad ingraziarsi gli insoddisfatti del sistema.

Che l’entrata di Sofia Jirau nella cerchia di Victoria’s Secret sia una mossa strategica non vi è certezza, le aziende puntano a fare il possibile per ottenere riconoscimento e consenso. A seguito degli ultimi trascorsi il marchio stenta a ritornare in ribalta per quanto sia ancora osannato. Sofia Jirau è affetta da sindrome di Down e l’essere stata scelta vanterebbe una posizione politicamente corretta nella notizia in sé ma Sofia rispecchia a pieni voti quei canoni estetici che hanno sempre contraddistinto gli angeli.

Proprio contro quei canoni c’è una costante propaganda che tenta di scardinarli. È bella, ha un bel corpo ed è una visione non lontana da quella appartenente alle colleghe che rappresentano la label. La presenza di modelle curvy è di recente introduzione nel mondo di Victoria ma a prevalere sui profili social è perlopiù la presenza di corpi perfetti. È apprezzabile lo sforzo ma la strada da percorrere è ancora tanta.

In tal contesto nulla è da togliere a Jirau che fa prevalere l’unicità d’esser diversi eppur così simili. Ogni giorno sul suo profilo Instagram con ben 210 mila follower ribadisce “non esistono limiti”. Che sia questa la principale motivazione per cui Victoria’s Secret l’abbia voluta all’interno del team, noi ci auguriamo sia così.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.