Via Marina di Varcaturo

Varcaturo preda del traffico: tutti i rischi di una gestione fallimentare

Redazione Informare 15/04/2024
Updated 2024/04/16 at 12:18 AM
2 Minuti per la lettura

Continuano le segnalazioni dei cittadini che ieri, nelle ore serali, sono state preda dell’immenso caos creatosi a Marina di Varcaturo.

L’area da anni richiama sempre più persone per la presenza di lidi, feste e ampi spazi dove godersi le prime giornate di caldo. Così è stato anche nella giornata di domenica in cui, però, quella parte di litorale si è tarsformata in un inferno.

Macchine ferme a motori spenti, code di oltre un’ora e cittadini infuriati. La gestione del traffico sul litorale domitio, compresa la zona di Ischitella, resta un rebus senza soluzione.

I prezzi contenuti e la saturazione del litorale flegreo, hanno incentivato gli accessi al litorale domitio, preso ormai d’assalto nei weekend. Il problema reale sembra una malaorganizzazione dei comuni che si aprono ai pendolari, emblematico è l’esempio di Castel Volturno in cui il piano traffico è ancora fermo al palo.

Ora la palla passa anche al comune di Giugliano, di cui rientra la competenza delle aree di Lago Patria. Gli ingorghi, infatti, toccano la rotatoria tra via Domiziana, via Orsa Maggiore e via Ripuaria, o in via Staffetta, all’uscita da via Lago Patria.

Il tilt del traffico è arrivato in concomitanza con un altro fenomeno che torna a destare preoccupazione: le scosse ai campi flegrei. Ma ci immaginiamo una possibile evacuazione di emergenza da quelle aree negli orari degli aperitivi? Un caos inimagginabile..

Eppure lo scenario non è futurista, parliamo di livelli di organizzazione basilari a fronte di rischi concreti. Insomma: la stagione estiva è alle porte, ma ancora nessuna amminsitrazione si è messa in moto per organizzarsi, né si è intervenuti pubblicamente sui disagi del weekend. Speriamo che l’evento di ieri sera possa aver fatto accendere una luce sui rischi imminenti in vista dell’estate.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *