Nella bellissima cornice della Costiera Amalfitana, tra i territori campani più affascinanti ed amati in tutto il mondo, si sprigionano aromi inconfondibili dai prodotti agricoli locali e in particolare a Positano, dove l’azienda “VALENTÌ” propone una gamma di prodotti artigianali: dai liquori alle marmellate, e dalle caramelle al panettone.
L’azienda prende il nome dal suo proprietario:
Valentino Esposito, che sin da bambino ha ereditato da suo padre la passione per la lavorazione dei prodotti tipici della costiera come i limoni e gli altri agrumi. All’interno del negozio c’è un

piccolo laboratorio, dove ogni turista ha la possibilità di vedere dal vivo la produzione artigianale di squisite confetture e del limoncello, secondo un processo che richiama le antiche tradizioni contadine.
Valentino si dedica con passione alla ricerca di nuovi sapori da proporre sul mercato, una passione per creare prodotti di alta qualità.
Le sue produzioni agricole hanno sempre riscosso gran successo alle fiere di settore.
La prima sede di “VALENTÌ” ha origine a Praiano e poi dopo a Positano, lungo la strada che dà a picco sul mare. Quando sono entrata nel suo negozio, Valentino e la sua famiglia mi hanno accolta con una cordialità e un’ospitalità da farmi sentire a casa, mi ha raccontato un po’ della sua storia e della sua famiglia.
Una scena di particolare rilevanza nella sua vita è

quando sua figlia, un giorno tornando da scuola, gli portò un disegno fatto da lei, un disegno dai colori pastello in cui è raffigurata Positano (dove ha come seconda sede il suo negozio); ciò lo colpì profondamente e così decise di stampare la giovane opera sulle confezioni del “Cupolone di Positano“, un dolce simile ad un panettone creato in onore di Positano.
Sono questi piccoli gesti che spingono a sostenere un’impresa totalmente Made in Italy che, seguendo le tradizioni, ha reso un prodotto unico e inconfondibile in tutto il mondo. Il marchio “VALENTÌ” racchiude la storia di un territorio, di un uomo in grado di creare prodotti di eccellenza grazie all’amore per la sua terra.

di Federica Lamagra

Tratto da Informare n° 187 Novembre 2018

Print Friendly, PDF & Email