informareonline-castel-volturno-anziani-fanno-difficolta-a-raggiungere-i-luoghi-per-vaccinarsi
Healthcare cure concept with a hand in blue medical gloves holding Coronavirus, Covid 19 virus, vaccine vial
Pubblicità

Stamane, verso le 9:30, il furgone contenente le prime 9750 dosi di vaccino anti covid della PfizerBiontech sono arrivate in Italia.

Direzione? Lo Spallanzani di Roma, l’ospedale che nella prima, grande ondata di covid è stato il protagonista assoluto dell’assistenza per la pandemia.

Assolutamente incredibile il fatto che durante la vigilia, in Italia, si siano superati i due milioni di casi, mentre a Natale i Vaccini siano entrati nel nostro paese. Una macabra coincidenza che forse aiuterà a convincere ancora qualche scettico. Scettici che si ostinano a demonizzare l’unica soluzione alla più grande catastrofe degli ultimi anni. Ad oggi il conteggio dei morti risale a 1,75 milioni in tutto il mondo. Per farsi un’idea, all’incirca l’intera popolazione del Cossovo.

Pubblicità

La conservazione e il trasporto del vaccino non saranno cosa semplice, il medicinale infatti ha bisogno di una temperatura costante di -70° per i primi 10 giorni, e di una temperatura tra i 2° e gli 8° per la successiva conservazione.

Il vaccino comincerà ad essere distribuito ed iniettato dal 27 dicembre 2020. I primi ad essere vaccinati saranno: Claudia Alivernini, infermiera ventinovenne dello Spallanazani operativa presso il reparto di malattie infettive. Toccherà poi all’operatrice socio-sanitaria presso il Niguarda di Milano Adele Gelfo. Infine, come sembra più giusto, Mattia Maestri e Annalisa Malara, rispettivamente il paziente 1 e l’infermiera che lo ha scoperto.

Il governo assicura che per fine gennaio il vaccino sarà disponile per tutta l’Italia e che soprattutto, per la prossima estate tutti gli italiani che lo desiderano avranno la possibilità di vaccinarsi in maniera gratuita. Non resta quindi che affidarsi al buonsenso del prossimo che, si spera, prenderà la decisione giusta. Resta comunque di estrema importanza continuare a rispettare le norme anti-covid, il virus non è ancora stato sconfitto ed è bene non abbassare la guardia.

di Giuseppe Spada

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità