Chi è Ursula Von der Leyen, il nuovo Presidente della Commissione Europea

111
informareonline-ursula-von-der-leyen-1

Non è stato facile giungere alla designazione di Ursula Von der Leyen come Presidente della Commissione Europea, ma dopo numerose riunioni e ripensamenti fatti dai gruppi europarlamentari, si è giunti al suo nome.

A testimonianza della fatica e del lavoro che è servito per giungere congiuntamente alla designazione della Tedesca, basta notare il passo indietro fatto dai socialisti, che in un primo momento avevano appoggiato la nomina, per poi tirarsi indietro.

La fatica non ha intralciato la designazione, infatti, il 16 Luglio, è stata nominata dal Parlamento Europeo Presidente della Commissione, ottenendo ben 382 voti favorevoli, 327 contrari e 22 astenuti e una scheda nulla.

Donna di esperienza, e politico di fiducia di Angela Merkel.

La carriera politica di Ursula Von der Leyen inizia nel 2003, quando viene eletta con il suo partito CDU (Unione Cristiano Democratica) deputata al Landtag della Bassa Sassonia (Assemblea legislativa monocamerale dello Stato tedesco della Bassa Sassonia).

La sua carriera viene stravolta quando Angela Merkel la sceglie come Ministro della Famiglia. Il suo operato all’interno del ministero viene ancora ricordato dai cittadini tedeschi per le numerose battaglie che ha portato avanti, memorabile fu quella sugli asili nido.

Il suo rapporto con la Merkel si consolida ancor di più quando quest’ultima, nel 2009, la riconferma allo stesso ministero. La stampa nazionale le dà l’appellativo di donna di fiducia del Primo Ministro tedesco, difatti tra le due si crea un rapporto professionale e di stima reciproca indissolubile.

Rapporto che si consolida ulteriormente quando la Merkel, a seguito delle dimissioni del ministro Franz Josef Jung, che si dimette dalla carica di Ministro del Lavoro, le affida il ministero.

Ursula Von der Leyen eredita cosi un settore che merita attenzione particolare, soprattutto dopo i disordini creati a seguito delle dimissioni dell’ormai ex ministro Jung. La Von der Leyen si distinse con politiche sociali molto strutturate.

La definitiva consacrazione l’ha raggiunta quando viene nominata dalla Merkel nel suo terzo governo, Ministro della Difesa, prima donna a ricoprire questo ruolo in Germania e unico Ministro ad essere stato confermato in tutti i governi di Angela Merkel. Il suo operato al Ministero della Difesa fu molto differente dagli scenari ipotizzati dalla stampa internazionale.

La sua ostinazione l’ha portata a condurre trattative non del tutto semplici, come quando promosse la politica del governo tedesco, sulle esportazioni di armi in Arabia Saudita e in Turchia. Una vicenda importante si concretizzò, anche quando non volle cedere alle pressione degli Stati Uniti, che pretendevano un aumento cospicuo per le spese riguardanti la NATO

di Stefano Errichelli

Print Friendly, PDF & Email