Un professore o un senatore? Aldo Masullo è stato molto di più

All’età di 97 anni, ci ha lasciati pochi giorni fa, Aldo Masullo. Non un semplice Senatore o un professore di filosofia,ma un vero e proprio visionario.

Nato ad Avellino, laureato in Filosofia e Giurisprudenza, alternando gli studi in Germania agli insegnamenti di filosofia teorica prima e filosofia morale poi, alla Federico II, Masullo è anche stato deputato dal ‘72 al ‘76 e senatore fino al ‘79, candidato successivamente, dal ‘94 al 2001, prima nelle liste del Pci e poi in quelle dei Ds.

Aldo Masullo e il coronavirus

«Il mio stato d’animo? Sto lavorando, scrivo, cerco di essere il più tranquillo possibile. Forse per me è più facile che per altri: vivo da tempo più isolato, una specie di anticamera a questa strana quiete che ci circonda, con le strade deserte fuori».

Queste le sue parole in una intervista rilasciata per il quotidiano, “la Repubblica”, lo scorso 26 marzo.

Aggiungeva poi: «Ci sembra che fuori ci sia il buio: non sappiamo se le provviste basteranno o no, viviamo nella incertezza e sospensione di un tempo che si è fermato, ed emergono i difetti, la capacità, individuale e collettiva, di organizzare la propria vita».

L’ennesima visione oculata e obiettiva di un uomo che ha fatto dell’analisi razionale della vita il suo punto di forza negli anni.

Aldo Masullo e la poesia dedicata al migrante 14enne, annegato con la propria pagella

PAGELLA DI SCOLARO IN FONDO AL MARE

La portavi cucita sul petto
– medaglia al tuo valore

risorsa estrema per avere almeno
un poco di rispetto
l’orgogliosa pagella di scolaro
tu, solitario ragazzino perso
nell’immensa incertezza del migrare
corpicino in balia d’infide forze.
Non t’è servita
a salvarti la vita
ma t’è rimasta stretta sopra il cuore
fedele come il cane di famiglia
a custodir del tuo abbandono l’onta
e finalmente sbatterne l’orrore
in faccia all’impunita indifferenza
della presente umanità d’automi.

La sua idea di Napoli

«Da un punto di vista approssimativo, empirico, certamente Napoli ha la singolarità di un carattere dei suoi abitanti che è molto disponibile al rapporto con gli altri. Questo ha una sua origine storica. Chi abita nel basso, a pochi passi da un altro, è inevitabilmente abituato a una consuetudine comune, ed è questa consuetudine comune che lo soccorre nei momenti talvolta di pericolo o nei momenti di difficoltà».

Un professore, un politico, un filosofo? No…semplicemente Aldo Masullo.

di Simone Cerciello

Print Friendly, PDF & Email