La decisione arriva dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il quale ha deciso di intervenire sulla toponomastica cambiando il nome a due strade nella ricorrenza della giornata della SHOAH

 

È arrivata stamattina, tramite la pagina ufficiale del Sindaco Luigi de Magistris, la decisione di intervento sulla toponomastica cittadina. Le strade interessate sono due: Piazzale Tecchio e il Corso Vittorio Emanuele III, due strade molto importanti per la città di Napoli. Piazzale Tecchio, epicentro del quartiere Fuorigrotta (dove è locato lo stadio San Paolo), verrà chiamata Piazza Ascarelli. Vincenzo Tecchio era segretario provinciale del partito fascista. Il corso Vittorio Emanuele III, primo esperimento di “tangenziale” europea voluto fortemente dai Borbone, verrà chiamato Corso Salvatore Morelli, in onore dello storico giornalista puteolano.

Vittorio Emanuele III fu il re che diede l’ok alla promulgazione delle leggi razziali, per questo motivo, insieme a Vincenzo Tecchio, verrà eliminato dalla toponomastica napoletana. Non a caso il cambio di nomi avverrà il giorno 27 Gennaio, giorno della memoria della SHOAH.

 

di Savio De Marco