Ucraina, la Cina rifiuta il termine “invasione russa”

152
Cina Esteri Russia Ucraina
Pubblicità

Nelle ultime ore ha destato sospetti il silenzio dei paesi allineati alla Russia. Tra questi la Cina, che oggi ha rilasciato una dichiarazione in merito al conflitto tra Russia e Ucraina.

Nel suo briefing quotidiano a Beijing, la portavoce del ministero degli esteri cinese Hua Chunying ha riferito che la Cina segue da vicino gli ultimi sviluppi sull’Ucraina e sollecita tutte le parti a prestare moderazione e a evitare che la situazione vada fuori controllo.

Pubblicità

«La situazione in Ucraina si è deteriorata drammaticamente. Ci sono stati bombardamenti in molteplici città e le operazioni militari sono in corso» ha avvisato l’ambasciata cinese con una nota sul proprio sito web, consigliando di «rimanere a casa lontano da finestre e vetri» e di prestare attenzione «camminando per strada perché si può diventare bersaglio di attacchi». Consigliata perciò l’esposizione della bandiera cinese in auto in caso di viaggi necessari, per evitare di essere bersaglio di eventuali attacchi.

All’ennesima domanda sull’invasione dell’Ucraina da parte della Russia posta dai media occidentali, Chunying ha respinto «l’uso preconcetto delle parole». La portavoce degli esteri cinesi ha detto di ritenere la vicenda un «tipico stile di fare le domande dei media occidentali». Rifiutando, quindi, il termine “invasione”.

Pubblicità