Tumori e sversamenti: la Procura di Napoli Nord conferma la relazione nella Terra dei Fuochi

0
Informareonline-Terra

Alcune gravissime patologie, come il tumore al seno, l’asma, varie forme di leucemie e le malformazioni congenite, nella “Terra dei Fuochi“, tra Napoli e Caserta, sono legate allo smaltimento illegale dei rifiuti. Non è più solo una ipotesi la relazione causale, o anche di concausa, tra l’insorgenza di queste gravi malattie e lo smaltimento illegale dei rifiuti.

Ad attestarlo è un rapporto prodotto grazie all’accordo stipulato nel giugno 2016 tra la Procura di Napoli Nord, che ha sede ad Aversa (Caserta) e l’Istituto Superiore di Sanità.

Il report è stato illustrato on-line dal procuratore Francesco Greco, dal presidente dell’Iss Silvio Brusaferro e dal procuratore generale di Napoli Luigi Riello.

Subito pronto l’intervento dei Medici per l’ambiente della Campania con le forti dichiarazioni del suo presidente, il Dottor. Gaetano Rivezzi.
“Oggi dopo 10 anni di indagini epidemiologiche, la magistratura denuncia l’inquinamento come crimine umano – afferma il Dr. Rivezzi nella nota – Il mondo sanitario internazionale, soprattutto italiano, deve comprendere che, con il degrado e l’inquinamento ambientale, il cancro con certezza distrugge la Salute di migliaia di uomini e donne incolpevoli.
Il gran numero di tumori giovanili e quelli al di sotto dei 60 anni dimostrano quante sofferenze creiamo chiudendo gli occhi davanti a discariche di rifiuti, polveri industriali e da combustione, fanghi tossici spalmati su i terreni insieme a pesticidi e fitofarmaci, falde acquifere malsane, ma… soprattutto davanti alla miserevole “ignavia e abulia” amministrativa e politica.”

Dr. Gaetano Rivezzi – Medici per l’Ambiente della Campania 

Print Friendly, PDF & Email