Torneo di basket e missione compiuta a Giugliano da “Aria Nuova”

Informareonline-Aria Nuova-min

Traguardo raggiunto a Giugliano da “Aria Nuova”, associazione fondata nel 2017 da alcuni giovani del territorio, che si pone gli obiettivi primari di valorizzare le zone degradate del paese e di sensibilizzare le nuove generazioni.

Dopo l’evento ‘Reagisci al bullismo’, presentato in alcune scuole dell’hinterland giuglianese nel periodo pre-Covid, sabato 25 luglio Aria Nuova ha deciso di concentrare la propria attenzione in Viale dell’Acquario a Giugliano, strada in cui si trova un campo di basket che, nella maggior parte dell’anno, non viene curato minimamente.

Dal 2017 l’associazione cerca di sollecitare le istituzioni locali affinché il campo possa diventare una risorsa in più per il paese, con l’obiettivo di attirare altri giovani delle zone limitrofe. Dopo alcuni riscontri tardivi da parte dell’amministrazione comunale, nel 2018 i ragazzi di Aria Nuova decisero di organizzare un torneo di basket 3vs3 estivo proprio su quel campo per cercare di ottenere risposte più veloci e concrete. Il risultato fu più che soddisfacente: il Comune di Giugliano intervenne con l’inizio dei lavori di ripristino del posto, riparando i canestri totalmente distrutti e provvedendo a tagliare l’erba cresciuta attorno al campo.

Ma l’euforia per il lavoro di valorizzazione della zona durò davvero poco tempo perché l’associazione si accorse che, durante il periodo autunnale e invernale, il campo tornò ad essere completamente abbandonato e lasciato al suo destino. Per questo motivo, l’anno scorso Aria Nuova riconfermò l’iniziativa del torneo ma la conclusione fu la stessa: campo desolato e dimenticato nei mesi invernali. Quest’anno l’evento è giunto alla sua terza edizione e l’associazione è riuscita per il terzo anno consecutivo a raggiungere il suo scopo principale, cioè quello di valorizzare questo spazio di Giugliano, ma con un’idea nuova: organizzare ed iniziare anche un torneo invernale, così che il campo rimanga sempre in buone condizioni.

«Questo è l’unico campo di basket a Giugliano e tutti i giorni ci sono ragazzi che arrivano qui per giocare una partita ma anche per fare una chiacchierata con gli amici. Purtroppo ci siamo accorti che questa zona non è curata, eccetto nel periodo del torneo, ed è veramente un peccato non sfruttare le potenzialità e tutte le risorse che il nostro paese offre», ha detto Davide Basile, uno dei fondatori di Aria Nuova e artefice principale del torneo di basket insieme a Vincenzo Pianese, altro giovane e storico componente dell’associazione.

Informareonline-Aria-Nuova-3-minDavide e Vincenzo sono fiduciosi per un futuro roseo nelle nostre terre per le prossime generazioni e ripongono proprio lì la loro speranza, con un messaggio importante: “per non costringere i nostri figli un giorno a lasciare Giugliano, la Campania o addirittura l’Italia dobbiamo iniziare ad investire e mettere in risalto i pregi del nostro territorio, non guardare soltanto i difetti, così che un giorno potremo raccontare di aver provato a migliorare il nostro paese”.

Informareonline-Aria Nuova-2-minCome gli altri anni, il torneo si è rivelato un successo, anche se con meno squadre iscritte e meno persone arrivate in Viale dell’Acquario per assistere alle partite. Il tutto per rispettare le norme e le precauzioni anti-Covid dettate dalla Regione e dallo Stato. Dopo le premiazioni finali, tutti gli atleti delle squadre hanno voluto complimentarsi con l’associazione che, nonostante le difficoltà, ha saputo ancora una volta lottare per migliorare la zona.

«Frequento assiduamente questo campo e prima che tagliassero l’erba sembrava di essere veramente in una giungla. Oggi invece sembra di essere in un altro posto. Siamo contenti di quello che facciamo ogni anno qui, ma questo campo non dovrebbe essere curato solo in occasione del torneo. La soddisfazione più grande è stata quella di ricevere i complimenti da tutti i ragazzi che oggi hanno partecipato», dice Vincenzo, soddisfatto per essere riuscito nuovamente insieme a Davide a rivalutare Giugliano.

di Donato Di Stasio

Print Friendly, PDF & Email