L’appuntamento – incentrato sul mondo delle bollicine abbinate a piatti cucinati da Chef di livello, (stellati e non) – è stato organizzato dall’Associazione Italiana Sommelier che in tale occasione ha festeggiato il termine dell’anno sociale.

Un viaggio nell’universo delle bollicine abbinate a piatti “stellari”… Il 16 luglio si è brindato in riva al mare!

L’Associazione Italiana Sommelier e il Nabilah hanno organizzato la X^ edizione di “Te le do io le Bollicine”.

Il Nabilah, location esclusiva della Costa Flegrea, distante 20 minuti da Napoli, sorge ai piedi di un antico promontorio romano, custode dei resti della villa dell’imperatore Servilio Vatia, perla del patrimonio storico e archeologico dei Campi Flegrei. Qui, complice straordinario è il tramonto, con colori fantastici e mai uguali tra loro, cangianti in tutte le tonalità dell’azzurro, del rosa e dell’arancio.
Ai doni della natura si unisce la cura degli spazi tra prato, legno e ceramica che ospitano elementi di arredo e design, uniti in uno stile che fa del Nabilah una location esclusiva.

Dalla mattina alle prime luci dell’alba del giorno dopo, il Nabilah è diventato nel tempo un vero e proprio stile di vita. Un’esperienza che emoziona in tutte le sue proposte.

 

 

L’esclusivo evento è stato organizzato per festeggiare, in grande stile, la chiusura dell’anno di attività dell’A.I.S. con calici di champagne e spumanti.
Decine di Chef di rinomata professionalità, anche stellati, hanno partecipato all’organizzazione di “Te le do io le Bollicine”. Protagonisti, quest’anno sono stati Pasquale Palamaro, Domenico Iavarone, Lino Scarallo, Marianna Vitale e Luciano Villani, che hanno preparato deliziosi primi piatti con la pasta fornita dai pastifici gragnanesi de “La Selezione”.
Il format della kermesse ha previsto: banchi d’assaggio dedicati alla somministrazione di champagne e bollicine, a cura dei sommelier dell’AIS Napoli e postazioni food con le migliori firme del panorama gastronomico campano e italiano (antipasti, primi, secondi, pizza, panini, ostriche, formaggi e salumi).
Tra i piatti esclusivi del menù di “Te le do io le Bollicine”:  cannolo con crudo di sgombro e cappuccino caprese; “Te le do io le lumachine”; polpo, limone e bollicine;  biscuit al pistacchio, bavarese alle bollicine e composta di lamponi.
A rendere ancora più frizzante la serata la musica dal vivo e la selezione dei brani a cura di Ciro Cacciola, in arte Dj Cerchietto, che è stato in consolle durante la serata.
L’evento, aperto a tutti, ha avuto inizio alle ore 19:30 ed è terminato a notte fonda in una cornice di pubblico unica nel suo genere.

Il programma ha previsto un aperitivo, lo Stappo AIS e apertura dei banchi di assaggio, apertura dei punti restaurant nella zona Garden, Stelle e Pasta, consegna diplomi AIS relativi al corso sommelier nr. 89, apertura dei punti Street Food & More accompagnati da Champagne Bar e Musica

Questi gli sponsor Food presenti alla manifestazione: Oyster Experience a cura di Vincenzo Supino, Old Friends, Tarallificio Tonino, Malafronte Panificio, Olio Guglielmi, ONAF Napoli con i formaggi della famiglia BUSTI e i salumi LEVONI, Carmasciando, Tempio dei formaggi, Kuma 65, La Locanda del Testardo, La Fescina, Liv Bistrot, Mamma Elena, Le Lune Bistrot, Il Falangone, Maria Rosaria Canò, Masseria Guida, Masseria Alaia, Locanda Rei, Mosè a Ridosso, La Playa

Presenti gli Chef Stellati: Palazzo Petrucci con Lino Scarallo; Sud Ristorante con Marianna Vitale, La Locanda del Borgo Aquapetra* con Luciano Villani; Indaco* con Pasquale Palamaro; Josè Villa Guerra

Nell’Area street food erano presenti: Chamade, Macelleria Hamburgheria Da Gigione, Da Pasqualino, Happy Hours, Caseari Cautero, Casa de Rinaldi, Olio e pomodoro

Nell’area Dessert: Sweet Emotions, Pasticceria Lisita, Kiwi SunGold Zespri

Il Banco d’Assaggio PROPOSTA VINI ha previsto una selezione di bollicine da uve autoctone italiane, dalle Alpi alla Sicilia con Metodo Classico: Rosè Brut S-ciopét – Pelaverga – Castello di Verduno Bianco Dosaggio Zero – Erbaluce, Timorasso, Cortese, Moscato – Erpacrife Groppello Brut Nature Paxtibi Bianco dal Nero – Zuliani Blanc de Sers Brut Nature – Vernaza, Valderbara, Nosiola – Casata Monfort Vernaza Belle – Pravis Raboso Rosato Brut Redentor – Tessère Pignoletto Millesimato 1877 – Lodi Corazza Lambrusco di Modena – Paltrinieri Pas Dosé Dalnero – Montepulciano, Sangiovese – Strologo Vinudilice – Alicante Grecanico, Minnella – I Vigneri Nerello Mascalese Rosé Extra Brut – Murgo.

Con Metodo Martinotti: Timorasso Terre di Libarna Colli Tortonesi Brut – Poggio Prosecco Superiore Brut Conegliano Matiù – L’Antica Quercia Ribolla Gialla Brut – Komjanc Metodo Familiare: Schiava Belle Frizzante Sui Lieviti – Francesco Poli Silvo Frizzante Sui Lieviti – Varietà resistenti – Villa Persani Naturalmente Frizzante Sui Lieviti – Glera – Casa Belfi Roncaie Frizzante Sui Lieviti – Garganega – Menti Boschera Colli Trevigiani Frizzante Sui Lieviti – Zanon Eros Z Frizzante Sui Lieviti – Vermentino – Quartomoro

Il Banco dedicato ha visto protagonisti: Bellavista, Foss Marai, Fontanafredda

Il Banco d’assaggio collettivo ha visto protagonisti: Cantine Carputo, Franciacorta Turra, Ca’ del Bosco, Tenuta Cavalier Pepe, Cantine del Mare, Cantine Astroni, Contratto, Ferghettina, Montelvini, Feudi di San Gregorio, Fontanavecchia, Piatti, Sella&Mosca, Vino&Design, Cava Segura Viudas, Braida, Dogliotti, Cantine Iovine 1890, Capri Moonlight, Balter Trento DOC, Domaine D’ A – Blanquette.

Un plauso ed un grande riconoscimento va a Maria Consiglia Izzo la quale in qualità di responsabile dell’Ufficio Stampa della manifestazione ha contribuito in primis alla riuscita perfetta di questa X^ edizione di questa ormai rinomata manifestazione campana.

Print Friendly, PDF & Email