Informareonline-stress

Stress e vertigini: parla il Dott. Vella

Donato Di Stasio 09/05/2021
Updated 2021/05/09 at 2:04 AM
4 Minuti per la lettura

Dottor Angelo Vella: “L’ansia e lo stress influiscono inevitabilmente sulle sensazioni di instabilità e incertezza”

“Mi gira la testa”, “è come non sentire l’appoggio delle gambe”, “mi sembra di sentire un vuoto sotto i piedi”: quante volte avete sentito o detto in prima persona frasi di questo tipo? Queste sono solo alcune delle descrizioni che vengono fatte dalle persone che soffrono di vertigini, unite dalla paura di non essere più in grado di stare in piedi autonomamente.

Le vertigini sono ormai diventate uno dei problemi più diffusi e arrivano a colpire una bella fetta della popolazione italiana, tra cui bambini, adulti ed anziani. Il Dottor Angelo Vella, fisioterapista, posturologo e osteopata con sede in Villa di Briano (CE), si è già espresso nei mesi scorsi sull’argomento, parlando delle soluzioni e dei metodi con cui affrontare le vertigini (https://informareonline.com/vertigini-cosa-sono-e-come-affrontarle/). Questa volta l’esperto casertano ha fornito spiegazioni e chiarimenti sulle possibili cause che scaturiscono il problema, concentrandosi particolarmente sul legame che esiste tra vertigini e stress.

CHE COSA SONO LE VERTIGINI?

La vertigine è una falsa sensazione di movimento rotatorio o di sbandamento del proprio corpo o della testa. L’ambiente che ci circonda sembra muoversi, provocando delle sensazioni spiacevoli e sgradevoli come nausea, vomito, tachicardia e, a volte, diarrea.

Esse comportano un disturbo del senso di orientamento e incidono sulla capacità di camminare in equilibrio, con la sensazione di avere la testa confusa, deficit della vista momentanei, mal di testa e formicolii agli arti.

“Bisogna ricordare che le vertigini non sono una malattia ma un sintomo, e quindi dipendono da una disfunzione dell’apparato dell’equilibrio, o di sistemi cerebrali a questo connessi, che può essere causata da vari fattori come lo stress o l’ansia, seppur in modo indiretto”, spiega il Dott. Vella.

I FATTORI CHE CAUSANO LE VERTIGINI

Tra i fattori più comuni che causano le vertigini possiamo annoverare:

– Artrosi cervicale, che consiste in un lento processo degenerativo delle strutture ossee della colonna vertebrale, causato da sedentarietà, posizioni scorrette assunte durante la giornata o traumi. Tuttavia, in questo caso non si determinano delle vertigini vere e proprie, bensì più un vago senso di instabilità.

– Labirintiti, un processo infiammatorio batterico del “labirinto membranoso”, l’organo fondamentale per l’equilibrio.
– Colpo di frusta, come avviene, nella maggior parte dei casi, in un tamponamento automobilistico.

– Malattia di Menière, che consiste in un aumento del liquido situato dentro le strutture del labirinto membranoso dell’orecchio interno, associato ad una diminuzione dell’udito.

STRESS E VERTIGINI

Come sottolineato dal Dott. Vella, l’ansia e lo stress hanno molto a che fare con le sensazioni di incertezza. Stress, tensioni psicologiche stati d’ansia sono tutte cause di instabilità, che pur non costituendo una vera forma di vertigine, vi somiglia in termini di percezione soggettiva.

“I soggetti ansiosi – spiega ancora il Dott. Vella – molto spesso avvertono sensazioni di capogiro che possono innescare la paura di perdere i sensi, la quale, a sua volta, aumenta il senso di vertigine.”

Esiste anche la “vertigine posturale fobica”, la quale colpisce il paziente che, dopo essere guarito da una determinata patologia vestibolare, ha la paura che determinate posizioni possano far scaturire ulteriori episodi vertiginosi.

Quando si parla di stress o di ansia, il sintomo delle vertigini deve essere letto come secondario a un problema psicologico, che è consigliabile affrontare con una buona psicoterapia cognitiva e comportamentale, molto efficace per i disturbi su base ansiosa o da stress.

Per maggiori informazioni consultare il sito https://dottorvella.it/ o prenotare direttamente un appuntamento chiamando al numero 08119184490 / 3319131003 (anche whatsapp).

di Donato Di Stasio

 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *