premio pasquale lama

SPECIALE PREMIO. Pasquale Lama: “Sud, territorio di difficoltà ma anche di eccellenze”

Redazione Informare 29/11/2022
Updated 2022/11/29 at 12:11 PM
3 Minuti per la lettura

Premio d’eccellenza: Pasquale Lama, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori della provincia di Caserta, è un giovane imprenditore che da anni dedica il suo impegno nel raccontare il tessuto aziendale casertano, partendo dalle sue eccellenze. Diffondere la cultura dell’impresa tra i giovani è una sua prerogativa essenziale, soprattutto in virtù del ruolo che ricopre per Confindustria Caserta

Il settore dell’Imprenditoria meridionale è da sempre in crisi. Ma negli ultimi anni ancor di più perché nel Meridione molti sono i “giovani in fuga” che cercano altrove il proprio futuro. Lei, come intende recuperare queste competenze e contrastare questo esodo di cervelli?

«Al Sud abbiamo delle difficoltà e criticità che sono sicuramente storiche, però, abbiamo anche delle eccellenze sul territorio. Alcune eccellenze le abbiamo viste oggi dal punto di vista sia agroalimentare, ma anche industriale. È fondamentale che i ragazzi conoscano cosa hanno intorno, le potenzialità che hanno, le aziende che sono sul territorio e che entrino in quell’ottica di potersi effettivamente approcciare con queste realtà. La ricerca di lavoratori, professionisti e collaboratori è continua, infatti le aziende fanno fatica a trovare persone competenti sul territorio; proprio per questo motivo non serve andare fuori. Molte volte basta essere più guardinghi e possedere le skill giuste per quel tipo di competenze per affacciarsi al mondo del lavoro a livello locale».

Lei crede che le riforme che il nuovo governo intende attuare possano rendere più competitivo il settore dell’imprenditoria italiana? (Mi riferisco alla flat tax – tetto del contante a 5.000 euro e all’autonomia differenziata)

«Alcune di queste misure possono in qualche modo avere un risultato positivo e possono sicuramente essere più sfruttate da alcune realtà, altre meno. Aldilà delle misure singole, va guardato il complesso; quindi, va ragionato sempre in un’ottica di politica industriale e di strumenti da poter utilizzare in quest’ambito. Ad esempio, abbiamo le aree ZES (Zone economiche speciali) a sviluppo industriale con dei vantaggi dal punto di vista fiscale e che sono già presenti sul territorio. Gli strumenti ci sono ma serve effettivamente avere una visione industriale maggiore, una forte programmazione per riuscire a capire quali possono essere le necessità del territorio e quindi investire in quell’ottica».

L’intervento di Pasquale Lama sul palco del Premio

«Complimenti per questa bellissima organizzazione. Ѐ stata una sorpresa per me trovare questa bellissima accoglienza e questa platea. Tutte le istituzioni in sala rappresentano come ognuno può svolgere un ruolo importante nel progetto di rinascita e rilancio di Castel Volturno e probabilmente è proprio l’indirizzo che avete tracciato voi».

di Marianna Donadio e Cristina Siciliano

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *