ISIS Corrado

SPECIALE PREMIO. ISIS Corrado, Preside Fabozzi: “Questo territorio è una palestra formativa”

Giuseppe Spada 13/12/2022
Updated 2022/12/13 at 10:13 PM
4 Minuti per la lettura

Sei il Premio d’eccellenza Città di Castel Volturno ha uno scopo, è quello di promuovere e sponsorizzare il meglio che il nostro territorio ha da offrire. Seguendo questo ragionamento, come ci si potrebbe esimere dal valorizzare gli anelli più importanti di una buona società civile? Sto parlando proprio della futura classe dirigente, formata da ragazzi in gamba che hanno deciso di seguire il loro percorso di studi superiori qui, a Castel Volturno. L’ISIS Vincenzo Corrado ha selezionato i cinque migliori studenti per la premiazione e l’assegnazione di borse di studio offerte dall’Università degli studi Guglielmo Marconi.

C’è da dire che il Corrado ha dato sfoggio della sua importanza non solo con i ragazzi premiati ma anche con quelli che durante tutto l’arco della giornata hanno prestato servizio d’accoglienza con il massimo dell’eleganza e della cortesia e con i ragazzi che si sono occupati di preparare e servire un meraviglioso buffet alla fine della premiazione. Di questi ragazzi e del loro futuro abbiamo parlato con la preside Nicoletta Fabozzi, da poco insediatasi nel ruolo e che dimostra da subito grande entusiasmo per le potenzialità dei suoi ragazzi.

Questi ragazzi sono una nuova speranza per Castel Volturno?

«Certamente. Io su questo territorio ho la fortuna di esserci nata, di aver scelto di impegnarmi a dare il mio contributo professionale, e mi rendo conto che questi ragazzi sono a tutti gli effetti nuova linfa nelle vene di Castel Volturno. Questo territorio è una palestra formativa, con le belle realtà di questa città abbiamo in comune la medesima mission: la cittadinanza attiva e la legalità. Questo è un territorio in cui si avverte sulla pelle l’emarginazione, il disagio e le difficoltà sociali. Questa giornata è la dimostrazione che le periferie come la nostra riescono a fare centro. Non posso dunque che essere orgogliosa di avere i miei alunni qui e di avere a che fare con attività così belle».

Quali sono i punti di forza che la scuola mette in campo per la crescita di questi ragazzi?

«Noi cerchiamo, anche attraverso i percorsi di PCTO e queste realtà che ci valorizzano, una possibilità per i ragazzi di mettersi alla prova in situazioni sempre differenti. Promuoviamo addirittura attività all’estero. Proprio in questi giorni i ragazzi sono tornati dall’Irlanda e dalla Spagna».

Oggi ci sono tanti ragazzi e di tante etnie diverse, la multiculturalità favorisce la crescita di questi giovani?

«La diversità, anche di colore, non può che essere un arricchimento. Quello che non conosciamo ci fa crescere. Noi, l’integrazione, la viviamo veramente: nella maniera più reale e pura che si possa immaginare. Il 23 novembre saremo promotori del flashmob per Special Olympics, questo servirà a valorizzare le diversità e gli alunni con difficoltà».

Chi vi parla è un ex studente dell’ISIS Vincenzo Corrado, sono un’aspirante giornalista e in quanto tale non posso esimermi dal raccontare il vero. Posso testimoniare, con estrema convinzione, che l’inclusività e l’amore per il diverso non sono semplici concetti politici e di facciata, ma reali missioni che in un territorio ricco di culture come Castel Volturno non possono e non devono essere presi sotto gamba.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *