Giuseppe Furciniti

SPECIALE PREMIO. Il Colonnello Giuseppe Furciniti premiato per il lavoro svolto nella provincia di Caserta

Roberto Giuliano 30/11/2022
Updated 2022/11/30 at 4:21 PM
2 Minuti per la lettura

Ufficiale della Guardia di Finanza, Giuseppe Furciniti è attualmente Comandante del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta. Da sempre sensibile all’approfondimento dei metodi di contrasto alla criminalità organizzata e alla corruzione, è autore di numerosi saggi e ha preso parte ad operazioni di livello internazionale.

Che importanza ha per lei ricevere questo premio in un territorio difficile come Castel Volturno e qual è il suo impegno in merito?

«Sicuramente è una grande attestazione di stima, sono veramente contento di ricevere questo premio, che ovviamente rivolgo a tutti i miei uomini con cui collaboro giornalmente nell’attività che svolgiamo a tutela della legalità. Apprezzo tantissimo questo segno di attenzione verso la Guardia di Finanza».

Qual è la principale problematica del territorio di cui si occupa e quale strumento pensa possa esserle utile in più, a livello normativo, per migliorare l’efficienza della Guardia di Finanza?

«Le problematiche sono tante, però, allo stesso tempo, ci sono anche tante potenzialità. Dal punto di vista normativo, non vedo margini di miglioramento anche perché la normativa è estremamente avanzata, soprattutto nel contrasto alle mafie, alla criminalità organizzata. Quello che servirebbe chiaramente è un maggiore impegno da parte di tutte le istituzioni per contribuire alla rinascita del territorio anche sotto il profilo economico, culturale e sociale».

Ma ad esempio, parlando della questione della dematerializzazione del denaro, su cui si è un po’ ritornati indietro di recente?

«Queste ovviamente sono misure che a livello governativo hanno le loro logiche, è chiaro che dal punto di vista dell’azione di contrasto alla criminalità, il fatto di poter usufruire di queste agevolazioni è oggettivamente, tecnicamente un problema che andrebbe rivisto».

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *