Sorvillo: “Sport come inclusione contro la rete della camorra”

“Promuovere sul territorio regionale lo sport tra i più giovani come attività di aggregazione e di inclusione, capace di allontanare dalla rete della camorra, che offre facili guadagni e propone una contro cultura dai valori distorti”. Questo quanto dichiarato da Giovanni Sorvillo, candidato al rinnovo del Consiglio della Regione Campania con “De Luca Presidente”.

“Lo sport – continua Sorvillo – fornisce ai ragazzi una marcia in più per affrontare la vita. Infatti, non solo dà benefici fisici, ma è anche utile sotto l’aspetto formativo poiché aiuta ad affrontare e a risolvere le avversità, a capire l’importanza di fare squadra, e a comprendere il senso del sacrificio per raggiungere un obiettivo.”

“La pratica sportiva è inclusiva e svolge un ruolo sociale fondamentale, per tale motivo il diritto allo sport deve essere garantito soprattutto nelle aree più complesse della nostra Regione, dove la criminalità organizzata recluta anche i minori. Proprio nei territori più difficili – conclude Sorvillo – bisogna sviluppare e consolidare partnership con associazioni e garantire la sostenibilità economica delle iniziative di carattere sociale.”
Print Friendly, PDF & Email