Settimana Nazionale della Dislessia, #snd019

18
informareonline-settimana-nazionale-dislessia

Dal 7 al 13 Ottobre  l’AID (Associazione Italia Dislessia) ha organizzato la quarta edizione della Settimana Nazionale della Dislessia in concomitanza con la European Dyslexia Awareness Week, promossa dalla European Dyslexia Association (EDA).

Quest’anno l’evento è stato promosso con il titolo “Diversi e Uguali: promuoviamo l’equità” perché tutti nonostante le singole caratteristiche, siamo nel contempo diversi ed uguali. 

Ma che cos’è la Dislessia? È un disturbo del neurosviluppo specifico dell’apprendimento (DSA) che si manifesta all’inizio della scolarizzazione e non permette di leggere, scrivere e far di conto in modo fluente.

La patologia ha  vita breve. È comparsa in ambito medico solo lo scorso secolo quando Hinshelwood, scrisse un trattato su un ragazzo affetto da questo disturbo. In precedenza si pensava che il deficit fosse imputabile alla sfera del linguaggio, nel senso di incapacità di produzione del linguaggio o legato a deficit mentali.

Ancora oggi la ricerca non ha ben chiarito le cause.

Si parla infatti di motivazioni  imputabili alla Genetica (mutazione del cromosoma 15), alla Struttura anatomica cerebrale diversa dagli altri (il planum temporale, zona del cervello che svolge un ruolo nella comprensione del linguaggio, nei dislessici è uguale in ambo gli emisferi cosa che non si rileva nei soggetti normali) ed alla Attività cerebrale (il cervello di un bambino per leggere, deve trasformare i simboli, la scrittura, in suoni. Se è presente il disturbo della dislessia le aree che svolgono questi compiti non lavorano insieme, ma sono utilizzate aree diverse per compensare a questa mancanza di integrazione).

Lo scopo della Settimana Nazionale della Dislessia 2019 è quello di informare e sensibilizzare sempre più l’opinione pubblica sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento. L’invito dell’AID è di condividere foto ed eventi sui social utilizzando l’hastag ufficiale #snd019.

Proprio per questo la Fondazione TIM da 10 anni sostiene una serie di progetti a supporto delle persone con DSA che interessa circa il 4% della popolazione italiana. Dal 2009 la Fondazione lavora con l’AID (Associazione Italiana Dislessia) per cercare di affrontare tempestivamente ed al meglio le difficoltà ancora presenti per una diagnosi precoce, per offrire strumenti didattici ad una scuola dove studenti con DSA e non, possano ritrovarsi in un contesto di apprendimento a loro  dimensione.

Non c’è inclusione però se non abbiamo piena coscienza  del fenomeno.

Pertanto anche quest’anno, Fondazione TIM lancia la campagna #disleggo, con lo scopo di diffondere informazione e consapevolezza sui DSA. Il claim della campagna è “Diamo alla dislessia una lettura diversa” e presenta un messaggio scritto con lettere poste in modo tale  da rendere difficile la lettura. Ciò per simulare e far comprendere  le difficoltà che incontrano chi è affetto da DSA.

informareonline-dislessia

Inoltre il 10 ottobre, giornata mondiale della dislessia, la home page di Repubblica.it sarà visibile come agli occhi di una persona con DSA, favorendo la comprensione delle difficoltà di lettura da parte di tutti i lettori della testata.

Leggere, scrivere e calcolare per i ragazzi affetti da DSA non sono atti semplici e automatici. Non sono ragazzi svogliati ma solo ragazzi che si stancano presto, commettono errori e si sentono costantemente in difficoltà. Sono ragazzi che  hanno bisogno di tutte le loro energie per leggere, scrivere e far di conto.

di Angela Di Micco

Print Friendly, PDF & Email