Si è svolto martedì 14 gennaio nell’Auditorium Vescovile di Teano il primo incontro tra 7 diocesi campane con il tema “inquinamento ambientale”.

Già da tempo i Vescovi di Acerra, Aversa, Caserta e Nola si incontravano per far sentire la propria voce in tema ambientale, ma l’appuntamento di martedì è risultato straordinario, perché per la prima volta hanno disposto un confronto con i propri Sacerdoti. Inoltre altri tre Vescovi hanno partecipato entusiasti alla manifestazione: quelli di Teano, Sessa Aurunca e Capua.

Territori estremamente a rischio, come ci ricorda don Maurizio Patriciello: «Qualche anno fa qui nei dintorni fu trovata la discarica di materiali tossici più grande d’Europa, a Calvi Risorta, quando l’attuale Ministro Costa dirigeva le operazioni della Forestale; purtroppo sta ancora la. Oggi siamo qui perché vogliamo dare un segnale alle persone e far capire che ci siamo, anche se abbiamo le mani legate: le soluzioni sono a discrezione della politica».

informareonline-sette-vescovi-2

Il lavori sono avviati con la preghiera l’Ora Media, un brano della Genesi sul Creato; a sottolineare che il destino dell’Uomo è legato al destino della Terra: la salvezza del Creato è soggiogata al dominio non violento dell’Uomo, che ha il compito di custodirlo.

Oltre 150 Presbiteri delle 7 diocesi coinvolte si sono avvicendati in brevi interventi, accendendo un dibattito sul ruolo della Chiesa e degli uomini di Chiesa nelle questioni ambientali. Sicuramente centrale la questione per la quale il messaggio ambientale è ancora off-limits nel tessuto ordinario della pastorale. C’è bisogno di maggior coraggio da parte di tutti e non solo da alcuni personaggi di élite.

«Forse siamo inadeguati? Cosa possiamo fare? Non possiamo tacere, bisogna schierarsi e non avere paura di “fare politica”. Dobbiamo educare alla salvaguardia del Creato, come ci ha suggerito Papa Francesco nella enciclica Laudato si’».

Il Ministero della Salute ha recentemente aggiornato la lista dei Siti di Interesse Nazionale per la bonifica; sono ben 57 ed interessano 70 Diocesi in tutta Italia. Di queste, 27 sono al Nord, 23 al Centro, e 20 al Sud. Siamo una grande Terra dei Fuochi. Per questo motivo si organizza per il 18 Aprile, in occasione del V Anniversario del Laudato si’ un incontro con le 70 Diocesi coinvolte nel tema dell’inquinamento ambientale.

informareonline-sette-vescovi-3

Applausi per Don Antonio Palazzo di Castelvolturno; al dibattito ha presentato la complessa situazione della città domitia, per lo scarico continuo ed illecito di rifiuti, denunciando mancanza di controllo costante a causa della sempre maggiore riduzione delle forze di polizia. Basti pensare che ci sono solo 20 Carabinieri e oltre 700 detenuti agli arresti domiciliari. Numeri troppo contrastanti tra di loro.

 

di Francesco Cimmino

Print Friendly, PDF & Email