Sessa Aurunca: ripartono i programmi intercultura

Informareonline-Intercultura-2

Intercultura riparte con il bando 2021-22. L’11 ottobre alla Reggia di Carditello l’infopoint per studenti e genitori del territorio di Sessa Aurunca. Tra i primi studenti partiti per l’anno scolastico in corso, Marika Perfetto da Cellole per un anno in Germania

Ripartono i programmi all’estero di Intercultura, con l’uscita del nuovo bando che già mette a concorso i posti e le borse di studio per i programmi dell’anno scolastico 2021-22.

Il 2020 è stato un anno particolare anche per i programmi di mobilità studentesca. Ora però, gradualmente, iniziano a vedersi dei segnali positivi anche in questo settore. Ad agosto e a settembre, Intercultura, l’Associazione di volontariato senza scopo di lucro che promuove scambi interculturali in tutto il mondo da oltre 65 anni, ha registrato le prime partenze, per diverse destinazioni europee e in qualche caso anche per gli Stati Uniti e altre mete. Ora il nuovo bando (www.intercultura.it/come-partecipare), destinato prioritariamente a studenti nati tra il 1°luglio 2003 e il 31 agosto 2006, si rivolge ai ragazzi che non intendono rinunciare alla possibilità di vivere una delle più importanti esperienze formative per il proprio futuro. Tra le novità, spiccano l’anno scolastico in Grecia e il trimestre e l’anno scolastico nel Regno Unito.

L’Associazione conta sulla presenza di oltre 5.000 volontari che operano in tutta Italia. Tra questi, i volontari del centro locale di Sessa Aurunca allestiranno un infopoint l’11 ottobre presso la Reggia di Carditello a San Tammaro, dalle 10:00 alle 13:00. Sarà un’occasione per conoscere i programmi dedicati ai ragazzi del nostro territorio nella cornice di un tesoro locale quale è il Real Sito di Carditello.

Per studenti, genitori e insegnanti interessati, sarà l’occasione di conoscere i volontari della zona, che seguiranno passo passo l’esperienza dei ragazzi e delle loro famiglie. All’incontro interverranno anche diversi studenti rientrati da poco dall’esperienza all’estero, che racconteranno la loro vita presso la scuola locale e con la loro famiglia ospitante. I volontari spiegheranno al pubblico anche le modalità per richiedere una borsa di studio. Intercultura, in quanto Associazione di volontariato senza scopo di lucro, da sempre mira ad avere un impatto sociale forte sulla nostra società, attraverso centinaia di borse di studio, che provengono da un fondo proprio e dalle donazioni liberali di aziende, enti e fondazioni che sostengono i progetti dell’Associazione.

Tra gli studenti partiti dalle scuole del territorio di Sessa Aurunca, molti riconoscono il forte impatto dell’esperienza Intercultura nel loro percorso di crescita: “Durante la mia esperienza in Polonia ho maturato maggiore consapevolezza di me stessa e del mondo, questo mi ha permesso di avere più fiducia in me e mi ha fatto capire che ogni nostra azione, per quanto piccola possa essere, può fare la differenza nella società in cui viviamo”. È questo il commento di Vittoria Klinkov, studentessa del Liceo scientifico statale “Galileo Galilei” di Mondragone, che è da poco rientrata dalla sua esperienza con Intercultura in Polonia.

Informareonline-Intercultura“A Cracovia, dove vivevo, ho iniziato a fare volontariato in alcuni centri per anziani come insegnante di italiano e ho girato tante scuole in diverse città mostrando presentazioni sull’Italia e sulle nostre tradizioni in un contesto interculturale. Grazie a questa esperienza ho scoperto il mondo del volontariato e mi piacerebbe continuare questo tipo di attività sul territorio”, prosegue Vittoria, che grazie al suo percorso nel Paese ospitante e alle tante attività svolte ha ricevuto il riconoscimento come migliore studentessa AFS Polonia ed è ora tra i finalisti in Italia per ricevere una menzione d’onore da Intercultura per l’anno 2020.

La dirigente del Liceo “Galileo Galilei” di Mondragone, Antonietta Pellegrino, mostra la sua felicità nell’apprendere la notizia: “Siamo orgogliosi di avere una studentessa come Vittoria, una ragazza brillante e aperta al mondo grazie a questi scambi culturali che sono necessari per la crescita del singolo e dell’intera comunità”. Dalle parole della dirigente scolastica traspare la sua gioia e ferma convinzione dell’arricchimento favorito dall’esperienza con Intercultura: “Sono certa che le competenze sociali apprese da Vittoria grazie a Intercultura favoriranno uno scambio di buone prassi con i suoi compagni di scuola e con tutta la comunità, perché l’arricchimento si concretizza quando viene condiviso con gli altri”, conclude, aggiungendo un ringraziamento speciale alla presidentessa del centro locale di Sessa Aurunca, Laura Russo, e la vicepresidentessa, Fernanda Esposito, per il lavoro sinergico e l’impegno che hanno sempre mostrato con la loro presenza e il loro essere propositive.

La forte determinazione di Vittoria a voler vivere un’esperienza di vita all’estero l’ha portata a scegliere, tra le tante opzioni, di partire con Intercultura perché “è un’associazione molto seria che si basa sul volontariato e pone al centro del suo operato la formazione degli studenti in quanto cittadini consapevoli. Inoltre, gli studenti meritevoli con fasce di reddito più basse, possono partire grazie alle tante borse di studio messe a disposizione dall’Associazione e questo dimostra l’aspetto inclusivo di Intercultura verso tutti i ragazzi che, come me, sognano di vivere un’esperienza che ti cambia la vita”.

Print Friendly, PDF & Email