Serie A: la Juventus è in ripresa e il Napoli si riconferma primo

61
informareonline-serie-a-la-juventus-e-in-ripresa-e-il-napoli-si-riconferma-primo
Pubblicità

Dopo gli impegni europei i campi d’Italia sono stati palcoscenico delle sfide valide per il settimo turno del campionato di Serie A. La Juventus di Massimiliano Allegri sembra aver ritrovato i ritmi perduti iniziando a collezionare punti nelle sfide mentre la Lazio di Maurizio Sarri si ferma col Bologna e Spalletti conquista la settima vittoria di fila.

Iniziato venerdì il settimo turno della Serie A si è aperto con Cagliari-Venezia. I rossoblu trovano per primi il vantaggio con una rete di Keita su assist di Caceres. Nulla può sulla girata di testa dell’attaccante cagliaritano, Maenpaa subisce così la rete dello svantaggio dopo appena 19’. La reazione degli arancioneroverdi però non tarda ad arrivare: nel secondo tempo la squadra di Zanetti prova più volte a riequilibrare il risultato riuscendo solo nei minuti di recupero a trovare la rete dell’1-1 con l’italoamericano Gianluca Busio. L’atteggiamento difensivo e arrendevole del Cagliari ha decisamente punito la formazione di Walter Mazzarri.

Pubblicità

Il Derby della Mole vinto dalla Juventus

Le sfide di sabato sono state inaugurate da Salernitana-Genoa. Arriva la prima vittoria in campionato per la formazione di Castori che, nella cornice dell’Arechi, conquistano i primi tre punti fondamentali per la corsa alla salvezza. Il Genoa, d’altro canto, rimasto in partita fino agli ultimi minuti non è riuscito a finalizzare le numerose occasioni create uscendo così sconfitti per la rete di Djuric al 66’.

Il Derby della Mole ha tenuto occupati i tifosi granata e bianconeri in questo sabato pomeriggio. Nell’intervallo la partita sembrava sorridere al Torino che, a reti inviolate, era riuscito a imporre il proprio gioco agli uomini di Allegri. La Juventus cambia il corso della partita durante il secondo tempo. I cambi di Allegri permettono ai bianconeri di trovare il vantaggio e la vittoria grazie all’ex Sassuolo, Manuel Locatelli. Ancora protagonista delle manovre offensive bianconere è però Federico Chiesa il quale continua a confermarsi un ottimo acquisto.

Le sfide di sabato sono state chiuse dalla sfida tra Sassuolo e Inter. La squadra di Inzaghi, nonostante il momentaneo svantaggio subito grazie al rigore di Berardi, trova comunque il pareggio prima e la vittoria poi con Dzeko da subentrato e con Lautaro dal dischetto. Questa la terza sfida consecutiva in Serie A in cui l’Inter ha evitato la sconfitta.

Domenica ricca di gol 

La domenica di Serie A si è aperta con una clamorosa sconfitta della Lazio di Maurizio Sarri, reduce dal vincente Derby, contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic. I rossoblu con Musa Barrow aprono le danze schiacciando i biancocelesti e acciuffandoli in classifica. Le reti di Theate e Hickey concludono l’opera mantenendo l’imbattibilità interna. Gli ospiti, irriconoscibili, chiudono il match in 10 per l’espulsione di Acerbi. Le parole di troppo del difensore hanno spinto l’arbitro Massa a spedirlo sotto la doccia.

La striscia positiva dell’Hellas Verona continua con la conquista di una vittoria utilissima per la corsa alla salvezza. Il poker calato contro lo Spezia è il quarto risultato utile consecutivo per la squadra di Tudor. Gli uomini di Thiago Motta sono ormai in caduta libera, il momento di crisi è dimostrato anche dalla poca freddezza dimostrata da Bastoni il quale, a seguito di una gomitata allo stomaco di Ilic, viene espulso. Sono dunque Simeone, Faraoni, Caprari e Bessa a deciderla in quel di Verona.

Al Ferraris il match tra Sampdoria e Udinese ha dato parecchio spettacolo. I continui capovolgimenti di fronte hanno reso la partita movimentata e avvincente fino agli ultimi minuti. Sei gol sono stati segnati in questo match che, giustamente, termina in un pareggio. Statistica interessante è che, proprio questa sfida, figura tra quelle finite più volte col punteggio di 3-3 nella storia dlla Serie A.

A Firenze la sfida tra Fiorentina e Napoli termina con il risultato di 1-2 per gli uomini di Luciano Spalletti. Gli azzurri hanno ribaltato il risultato dopo il gol Martinez Quarta grazie a Lozano – in gol dopo il rigore sbagliato da Insigne – e Rrahmani che sbuca tra le linee dopo la punizione battuta da Piotr Zielinski. Il Napoli conquista così la settima vittoria di fila riconfermandosi alla guida della classifica.

Dopo la batosta subita nel Derby la Roma di Mourinho torna alla vittoria. Non è bastata la sola volontà dell’Empoli a fermare Pellegrini e Mkhitaryan. Il possesso palla dei giallorossi non ha dato molte chance agli uomini di Andreazzoli costretto a ritornare in casa col peso della seconda sconfitta di fila subita.

Il turno domenicale è stato chiuso dalla sfida tra Atalanta e Milan. I rossoneri siglano il vantaggio dopo appena un minuto con Davide Calabria e raddoppiano con Tonali al 42’. La reazione dei padroni di casa è fin troppo tardiva: arrivata dopo lo 0-3 siglato da Leao, non basta il rigore realizzato da Zapata e la rete di Pasalic nei minuti di recupero per recuperare una gara giocata sottotono dagli uomini di Gasperini.

Dunque il settimo turno si conclude con una classifica che vede il Napoli riconfermarsi primo, il Milan e l’Inter in continuo interscambio tra il secondo e il terzo posto e Roma e Fiorentina a seguire. La Serie A si ferma questa settimana per dare spazio alle nazionali impegnate nelle sfide della Nations League.

di Rossella Schender

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità