Castel Volturno – Nella giornata di ieri i Carabinieri di Mondragone e Castel Volturno hanno provveduto al sequestro del Castello di Castel Volturno, che negli ultimi giorni ha subìto un ulteriore crollo a causa delle pessime condizioni strutturali e manutentive, in netto peggioramento dopo le insistenti piogge dei giorni scorsi.

Accordo di Programma

Il rilevante bene di interesse storico, nell’ultimo periodo aveva subito danni che ne avevano compromesso il recupero. Nel 2003 venne stipulato un accordo di programma tra la Regione Campania, la Provincia di Caserta, il Comune di Castel Volturno e il Comune di Villa Literno e due enti privati: il Consorzio Rinascita s.r.l. e Fontana Blu Spa. Un accordo che prevedeva, tra gli interventi cosiddetti “compensativi” a carico dei privati, il restauro, la riqualificazione e il riutilizzo del Castello di Castel Volturno.

Il progetto di recupero

Il progetto di recupero, approvato con una spesa preventivata di 2 milioni e 250mila euro prevedeva -a a carico dei privati aderenti – la riqualificazione del Borgo fortificato di San Castrese di Castel Volturno, per una spesa di 7 milioni e 500mila euro collocati in un ampio progetto di risanamento ambientale e di rilancio socio economico per la località Pinetamare di Castel Volturno e aree attigue.

Allo stato delle risultanze investigative, si sono ravvisati gravissimi e ingiustificati ritardi in relazione alla attuazione degli interventi concordati, che richiedono necessari altri approfondimenti investigativi mirati a rilevare eventuali responsabilità anche di carattere penale a carico di chi avrebbe dovuto assicurare la realizzazione degli interventi.

I ritardi

I ritardi citati non hanno fatto altro che determinare l’aggravamento della situazione di instabilità strutturale in cui da anni versa, in particolar modo, il Castello di Castel Volturno.

Nel luglio del 2015 l’amministrazione comunale avevano già segnalato che l’accordo di programma non aveva avuto attuazione. Nessuna iniziativa risulta assunta anche dagli Enti pubblici firmatari dell’accordo di programma, che prevedeva per Castel Volturno un ambizioso progetto di recupero, riqualificazione e rilancio socio economico.

Print Friendly, PDF & Email