SDU al Museo outdoor dedicato a Maradona – Quartieri Spagnoli.

Intervento artistico ai Quartieri Spagnoli il 18 gennaio, proprio in occasione della riapertura dei Musei, nelle strade del Quartiere Montecalvario, luogo nel quale si colloca il murale di Maradona, dell’artista Mauro Filardi – che porta la firma F.M.Bostik. – realizzato in collaborazione con Antonio Esposito alias Bostik, nome storico della tifoseria napoletana e fondatore con altri del gruppo ultras denominato “Teste Matte”, con sede proprio a Montecalvario.

Lo spazio antistante il murale si presenta negli ultimi mesi, dopo la scomparsa improvvisa del campione argentino, come un vero e proprio Museo outdoor, e in quanto museo accoglie le opere che artisti di varia provenienza e tecnica hanno voluto dedicare, in particolare alla storia della società calcistica napoletana e al campione Diego Armando Maradona.

Qui troviamo foto, testimonianze inedite, opere su carta, lavori su pvc, fotografie e poi candele, fiori, bandiere. Su un’altra parete, di un edificio contiguo a quello del Maradona, un altro murale intitolato alla Pudicizia sovrasta lo spazio, realizzato dall’argentino Francisco Basoletti, a dimostrazione che lo spazio Museo è uno spazio aperto anche a testimonianze artistiche differenti dalla storia del calcio.

In questa cornice, l’artista SDU / Stefano Gallucci, writer, autore da molti anni di lavori a stencil su supporto di vinile, ha voluto dedicare la realizzazione di tre vinili prodotti per l’occasione, che sono stati apposti su una delle pareti dello spazio Museo a simboleggiare l’importanza della cultura e dell’arte nel cuore della città, proprio nel giorno della riapertura dei Musei come da nuovo DPCM.

Nella mattinata di lunedì 18, l’artista insieme ad alcuni amici ha voluto rendere omaggio alla “La Bodega de D10s” gestita da Bostik su via Emanuele De Deo, strada che costeggia lo spazio Museo, e luogo altrettanto ricco di storia della società, di aneddoti, luogo di incontro per tifosi ma anche di ristoro per i turisti in visita al quartiere e a quella che da molti viene ormai definita “piazzetta Maradona”.

Print Friendly, PDF & Email