Scienza, scuola e lavoro: studenti di tutta l’Italia nuovi “Ambasciatori della salute”

Antonio Giordano con gli studenti del Liceo Quercia

La giornata nazionale del cibo italiano nel mondo, a Corbara (SA), organizzata dall’amministrazione comunale e dal sindaco Pietro Pentangelo, in collaborazione con Accademia Medeaterranea, patrocinata dal MIUR e dal Ministero delle politiche agricole e forestali, è stata l’occasione per le scuole del Nord, del Centro e del Sud , per esporre i lavori di ricerca indipendente basati su di un protocollo stipulato tra il MIUR e Medeaterranea Scientific Department, il cui direttore scientifico è il professor Antonio Giordano, presidente professor Massimiliano Quintiliani.

Il professor Antonio Giordano, dopo i saluti istituzionali da parte del Ministero della Istruzione Università e Ricerca, rappresentato dalla professoressa Carla Galdino, ha aperto i lavori con la lectio magistralis “Ambiente, Geni e Tumori”.

In essa, ha evidenziato, in termini molto semplici, in quanto rivolto ad una platea composta nella maggioranza da 300 studenti, che il gene, sia che si voglia far riferimento all’epigenoma che al genoma o al trascrittoma, si esprime in un modo o in un altro, in salute o in malattia, in rapporto a molteplici fattori, che comprendono tutte le interazioni che il nostro organismo ha con l’ambiente interno ed esterno. L’ambiente esterno include i nostri stili di vita, l’alimentazione, le sostanze con cui veniamo a contatto, il tipo di attività lavorativa svolta e relativi rischi professionali, lo stress cronico, ad esempio.

 

Nuova dieta mediterranea
Nuova dieta mediterranea

 

 

Il professor Giovanni Brancaccio, responsabile del supporto alla progettazione scolastica per le varie scuole che aderiscono alla rete del Polo scientifico internazionale Giovan Giacomo Giordano, accreditato dal MIUR con Accademia medeaterranea, per l’attivazione di percorsi integrati finalizzati alla conservazione della biodiversità ambientale (eco sistemica, specifica e genetica), attraverso la promozione e l’interesse per la ricerca scientifica e tecnologica, per fini sociali sui temi dell’agroalimentare, della scienza, della medicina, dell’ambiente e della sicurezza alimentare, ha evidenziato, nell’introdurre l’esposizione dei lavori da parte degli studenti, il ruolo di supporto, scientifico, divulgativo e motivazionale, offerto dal professor Antonio Giordano insieme ai ricercatori delle sue linee di ricerca.

Ed è grazie a questo supporto, gli studenti delle scuole di Milano, ITIS Molinari, Liceo scientifico Pascal, IIS Pasolini, Liceo Don Carlo La Mura di Angri, Liceo A. Genoino di Cava dei Tirreni, aderenti a tale protocollo, hanno illustrato i primi risultati dei loro progetti di miglioramento, salvaguardia e tutela delle condizioni ambientali, della sostenibilità alimentare e delle materie affini e trasversali.

In particolare, il Liceo Federico Quercia di Marcianise, diretto dal professor Diamante Marotta, rappresentato dagli 87 studenti delle classi terze, “Ambasciatori della Salute in alternanza”, ha esposto il percorso e il progetto di promozione della cultura e delle scienze enogastronomiche in linea con i dettami della Dieta Mediterranea, evidenziando il superamento della vecchia piramide alimentare e la sostituzione con la nuova, basata su di uno studio scientifico fatto proprio e rielaborato dagli allievi, grazie al supporto dei ricercatori del team del professor Antonio Giordano, Iris Forte, Daniela Barone e Luigi Alfano.

Il percorso di alternanza scuola lavoro, proseguirà, nel secondo e terzo anno, divenendo materia di esame, con percorsi orientati agli studi epidemiologici, di cui il professor Antonio Giordano, è uno dei massimi esperti, e alla divulgazione delle problematiche ambientali e il rapporto con l’insorgenza di patologie di ogni tipo, incluse quelle tumorali.

Per il terzo anno, infine, gli studenti, per la maggior parte maggiorenni, si costituiranno in Cooperativa sociale, per ora solo simulata, denominata “Medfood 3G (Giovan Giacomo Giordano) ambasciatori della Salute”, rappresentata, nelle sue varie cariche, da un presidente, tre vice presidenti, il comitato scientifico, consiglio di amministrazione regolarmente eletti, al fine di:

  • Favorire la diffusione del pensiero scientifico tra tutti coloro che giocano un ruolo diretto ed indiretto nel processo della gestione della salute (cittadini, pazienti, medici, caregivers, Istituzioni, imprese di ristorazione), a partire dalla prevenzione e dal ruolo della epidemiologia ambientale per la prevenzione;
  • Sostenere e diffondere tutti gli aspetti sanitari e socio-sanitari correlati alla salute ed alle patologie;
  • Stimolare e collaborare con le istituzioni affinché la persona e i suoi reali bisogni siano costantemente il cardine delle scelte;
  • Diffondere e favorire il modello “Le Scuole Promotrici di Salute”, ampiamente sperimentato nel corso dei tre anni, l’approccio intersettoriale tra i due sistemi scolastico e sanitario e altri stakeholder, nonché la metodologia della co-progettazione sulla scorta di un Protocollo d’Intesa tra Ministeri della Salute e dell’Istruzione-Università-Ricerca del 05.01.2007, sul Piano “Guadagnare Salute”.

Tale Piano stabilisce che vengano definite strategie comuni tra salute e scuola e vengano realizzati interventi volti a promuovere una cultura condivisa in materia di promozione della salute, per la prevenzione di patologie croniche e per il contrasto di fenomeni di rischio tipici dell’età giovanile.

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.