informareonline-comune-castelvolturno
Comune di Castel Volturno

Il consiglio comunale del 12/02/2020 richiesto dai gruppi di minoranza, ha dimostrato in modo inequivocabile la crisi politica esistente nel centro destra uscito vincente dalla tornata elettorale dello scorso anno.

 

In realtà, ancora oggi, non è stata completata la giunta, manca la nomina del vice sindaco e nemmeno le commissioni consiliari sono state completate, in tutto ciò è stata presentata una mozione di sfiducia firmata da tutta la minoranza (5) + fuoriusciti della maggioranza (3). Il consiglio comunale è formato da 16 consiglieri + il sindaco, che ha diritto al voto, pertanto attualmente la maggioranza dei consiglieri non esiste: sono 8 a 8, quindi è il voto del sindaco che mantiene ancora in vita quest’amministrazione.
Sulle ragioni della fuoriuscita dei 2 consiglieri della Lega più il consigliere di F. I. Antonio Luise preferiamo stendere un velo pietoso, perché le ragioni, almeno quelle raccontate, risultano personali, banali e incomprensibili per chi fa politica in modo serio. La grande delusione viene dai dirigenti provinciali, che non intervengono con autorevolezza e buon senso per risolvere una questione che va chiarita all’interno della coalizione, avendo la capacità di sintesi per il bene comune dei cittadini.

Il centro destra unito ha vinto democraticamente queste elezioni, ed ha il diritto di governare, la cosa peggiore è il tira a campare, ma deve dimostrare di esserne capace, di avere un sindaco che abbia l’autorevolezza per farlo e rispettando la coalizione che l’ha fatto eleggere.

Ancora, se come è stato “denunciato” pubblicamente dal consigliere Antonio Luise, e non smentito, che il sindaco vada cercando alleanze e sostegno dalle opposizioni, allora veramente siamo al ridicolo e la politica è in mano a dilettanti allo sbaraglio. Mi spiego: se una coalizione presentatasi con un programma unico, con i simboli dei partiti nazionali, che nella ripartizione delle candidature provinciali è stato riconosciuto ai fratelli d’Italia la sindacatura, non ci sono soluzioni leggibili se non andare avanti insieme… Diversamente?

Diversamente va azzerata l’attuale giunta, aprire ad un’amministrazione aperta a tutti, con un nuovo programma e che sia di salute pubblica o altro, ma la cosa peggiore sarebbe governare con i voti degli altri, con i loro programmi e giustificando il gioco delle tre carte (inventato a Napoli, e non a Mondragone o a Castel Volturno). Preciso che sono lontano dalla Lega anni luce, costoro credevano di fare il botto ma per fortuna non ci sono riusciti;  i candidati che non “piacciono”, o che rappresentano figure criminali e pericolose, come andate dicendo in giro e in ogni luogo ed occasione, andavano esclusi a prescindere.
Pertanto i distinguo fatti adesso non valgono a nulla, sono vostri alleati, vi hanno fatto vincere e vi rappresentano a pieno titolo.

Pur apprezzando il comportamento di alcuni rappresentanti delle opposizioni, anche loro continuano a camminare distinti e distanti; come si legge nel documento dei 5*, perché ancora non si è deciso chi debba essere lo sposo, ancora non c’è una proposta d’alternativa chiara… non è corretto dire unicamente “jatevenne”… e poi? Per andare dove? Per andare con chi?

Troppi personalismi e poca umiltà, scendete dai piedistalli di cartapesta che vi siete creati e iniziate a lavorare tra la gente, e visto che tutti dite di amare questo paese, allora: DIMOSTRATELO!

di Tommaso Morlando

Print Friendly, PDF & Email