informareonline-panchina rossa vandalizzata
Pubblicità

In Piazza Salvo D’Acquisto a Sant’Arpino, alcuni vandali hanno imbrattato la panchina rossa, simbolo di denuncia per la violenza sulle donne. La scoperta ha scioccato non poche persone, ritenendolo un atto inaccettabile verificatosi proprio dopo l’ennesimo femminicidio a Pontecagnano, e a pochi giorni di distanza dalla morte di Rosa Alfieri a Grumo Nevano.

Non sono mancate dure dichiarazioni, soprattutto da parte dell’Assessore alle Politiche Sociali, Loredana Di Monte. Fu proprio lei, insieme alle militanti di Officina Femminista, a dipingere la panchina rossa ormai infangata.

Pubblicità

«Quello perpetrato è un atto criminale che dimostra come purtroppo ancora oggi resistono mentalità becere per le quali è lecito imbrattare un simbolo della lotta contro la violenza di genere. Ma nonostante lo squallore del gesto continueremo al fianco di militanti e semplici cittadini si battono per porre fine a questa strage che continua imperterrita e che purtroppo ci interessa anche molto da vicino».

Diverse Associazioni che operano sul territorio si sono espresse a riguardo, come Noi Voci di Donne, presieduta da Pina Farina; Noi Donne Prima Di Tutto, presieduta da Iolanda Boerio; e A.M.I., presieduta da Daniela Mascia. «Un gesto vile quello ai danni del simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, che aggiunge un elemento in più ad una situazione già difficile connotata da episodi di continua violenza. Questo gesto dipinge, con toni ancora più accesi, uno scenario che necessita di un duro lavoro per poter liberare definitivamente le donne da una vera e propria piaga sociale».

Pubblicità