Sant’Arpino, il prossimo lunedì 19 al Palazzo Ducale l’opera lirica spiegata ai giovani

Redazione Informare 16/12/2022
Updated 2022/12/16 at 11:31 AM
4 Minuti per la lettura

Il bello dell’opera lirica“: è il tema del prossimo evento di PulciNellaMente che si terrà lunedì 19 dicembre, a partire dalle ore 18, nel suggestivo scenario del seicentesco Palazzo Ducale “Sanchez de Luna” di Sant’Arpino.

La serata, che s’inserisce nel progetto “Atella Viva, un Festival lungo un Anno” (POC 2014 – 2020), si svolge in due atti. Il primo prevede la presentazione del libro Ritorno all’opera. Viaggio illustrato attraverso la musica per bambini di ogni età” scritto dal giornalista Giovanni Chianelli e dal cantante lirico Luca De Lorenzo, con illustrazioni di Michela Di Cecio.

Il volume è edito dalla Fondazione Teatro di San Carlo per favorire la divulgazione del teatro d’opera tra i giovani, soprattutto in età scolare. Partendo dalla convinzione che l’opera sia un patrimonio nazionale da tutelare, diffondere e sviluppare, vengono individuati nei giovani tra gli 8 e i 12 anni i destinatari preferenziali del messaggio, ma naturalmente tutti possono e devono avere accesso ad un testo che parla di bellezza e di magia del teatro musicale. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Ernesto Di Mattia, dell’assessore alla Cultura Giovanni Maisto e di Franco Montanaro, direttore artistico del progetto “Atella Viva” e presidente dell’Istituto di Studi Atellani, con gli autori interverranno Lorenzo Fiorito, giornalista e critico musicale, Maria Debora Belardo, dirigente scolastico dell’I.C. “Rocco – Cav. Cinquegrana”, Elpidio Iorio, direttore di PulciNellaMente.

Sant’Arpino, il teatro d’opera spiegato ai giovani

Come detto, questo libro illustrato si propone di favorire la divulgazione del teatro d’opera tra i giovani, soprattutto in età scolare, attraverso le illustrazioni di una giovane artista della scuola di Comix ed un testo agile e gradevole con contenuti multimediali. E’ evidente la potenzialità didattica di questo strumento, che coinvolge discipline come la musica, la storia, la geografia, la poesia e la letteratura, oltre ovviamente alla musica.

Ritorno all’opera racconta la vicenda di due giovani musicisti, Ivan e Luca i quali, assieme a Tancredi, bambino di 10 anni compiono un viaggio nel tempo (come i protagonisti del famoso film Ritorno al futuro) alla scoperta dei grandi protagonisti della musica classica e dell’opera: Gioachino Rossini, Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig van Beethoven, Gaetano Donizetti e Giuseppe Verdi. La storia inizia e finisce in un teatro italiano nel nostro secolo, usando la musica come una macchina del tempo attraverso i secoli.

Il secondo atto dell’evento, prevede l’esecuzione di un saggio dell’opera “Il Flauto magico” di Mozart da parte degli alunni che hanno partecipato al progetto P. O. N. – Laboratorio musicale dell’ I.C. “Rocco – Cav. Cinquegrana“, plesso Cinquegrana, coordinato dalla docente Angela Lavitola.

Una esperienza di grande formazione per i ragazzi santarpinesi che hanno frequentato il laboratorio per le potenzialità straordinarie che possiede la musica. La musica, infatti, ha una importante funzione educativa, sia quando è oggetto di apprendimento che se la si ascolta per finalità ricreative. Comprendere le note musicali, imparare a leggere lo spartito, allenarsi per tenere il tempo sono attività che coinvolgono corpo, intelletto e spirito. La musica, inoltre, aiuta a rilassare, ad esprimere emozioni, sentimenti, paure e dunque ad esorcizzarle con il suo potere curativo e benefico. Tutti pronti, quindi, per il magico evento a Sant’Arpino.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *