#Salottoinstagram: il format di Suono Libero Music ospita la cantautrice D’aria

informareonline-daria-3

La prima puntata di #salottoinstagram è stata seguitissima sul profilo social della Suono Libero Music e l’etichetta napoletana diretta da Nando Misuraca ha voluto omaggiare un’artista “di casa”.

Di fatti la trasmissione ha visto protagonista la cantautrice D’Aria. Al secolo Maria De Lucia, D’Aria è una donna poliedrica nata in Cilento. Corista a 15 anni con Riccardo Del Turco è apprezzata performer live ed ha girato l’Italia con la sua band.

Il primo brano ascoltato in diretta streaming è “Spegni la luce”, una piccola perla d’autore, come racconta la stessa artista: ” E’ un brano firmato da Bungaro che per me significava tanto perchè mi ricorda gli inizi della mia carriera. Risentire quella voce del tempo è un tuffo al cuore”. Secondo titolo suonato è “Parlerai di me”  altri bei momenti della vita artistica dell’interprete cilentana: “Era una canzone firmata da Micalizzi,  quando passai dalla Rosso di Sera di Renato Venturiero alla Emi Music. La prima produzione che ho fatto con una grossa major”

Ma il coronavirus ha fermato il mondo, tutti in casa con la paura del nemico invisibile. D’Aria ha la sua ricetta: “Anche a distanza possiamo sentirci vicini. La musica è il mio rimedio a tutto e Sto vivendo questa emergenza in sua compagnia”.

L’artista salernitana è anche mamma, Federico è il nome del suo bimbo, amata creatura nata dall’amore con il suo compagno, l’attore Vincenzo Soriano: “Federico è la mia luce ed in questo momento me lo sto godendo appieno. Passiamo le giornate a fare i compiti”. Ma i limiti dell’emergenza fanno male anche ai bambini: “Devo essere sincera-racconta D’Aria- ha vissuto i primi giorni in tranquillità poi ha accusato il colpo e desiderava uscire e passeggiare. Per fortuna la nostra casa ha un giardino molto grande ed il Cilento è una terra magica che offre tantissimo. C’è una natura magnifica e possiamo goderne anche da casa. Rispetto alle persone che vivono in città, siamo più fortunati”.

D’Aria ha partecipato ad importanti manifestazioni come Castrocaro (secondo posto con passaggio in prima serata Rai) con la canzone “Dimmi”:

“E’ stata l’esperienza più bella della mia vita artistica. In quell’occasione ho conosciuto Bruno Tirinelli, mio direttore artistico e consigliere. Un uomo serio che ha scritto per Dalla, Mango, Morandi e la Mannoi, una persona importantissima per me”.

L’artista cilentana sfiora la partecipazione a Sanremo 2003 e si aggiudica il premio del “Bengio Festival” , un’altra magnifica passerella: “Ricordo che il direttore d’orchestra era Alterisio Paoletti, arrangiatore di Al Bano e che presentava Caterina Balivo, con Dario Salvatori direttore artistico, un tassello importante della mia carriera e ricordi indelebili”.

Poi con l’Insomnia Festival, la nostra cantante vola in Russia: “Sono arrivata in Uzbekistan dopo un volo difficile pieno di turbolenze. Ho cantato in un teatro davanti a 5000 spettatori e lì ero considerata una star. La percezione degli italiani nei paesi dell’Est è diversa. Ho suoanto per 15 giorni nei locali ed è stato un qualcosa di molto gratificante che mi ha ampiamente ripagato per la paura per l’atterraggio pericoloso”.

Seguiranno degli omaggi, in chiave dance, al grande Lucio Battisti, cover che le fruttarono la partecipazione in una compilation prodotta dalla Vodafone. Successivamente arrivano “Mi ricordo di te” e “Vento di sera” , la svolta cantautorale da interprete: “E’ un qualcosa avvenuta poco alla volta, spronata proprio  dal producer Tirinelli, ho iniziato a mettere dei miei pensieri nelle canzoni che canto”.

D’Aria non è solo una cantante ma si occupa, part-time, anche di conduzione televisiva in tv-private. Ha inoltre recitato, insieme al suo compagno attore Vincenzo Soriano, progetti curati con l’associazione “Orfani della vita” che dirigono assieme: ” “Abbiamo realizzato due cortometraggi nelle carceri dove ho recitato piccole parti. Esperienze umane importanti che porterò nel cuore”.

Nel 2015 c’è l’incontro con la Suono Libero Music con il singolo “Il Sole in faccia” scritta da Nando Misuraca con la partecipazione di Tirinelli e la stessa D’Aria: “E’ una canzone che mi emoziona ancora tanto. E’ la storia di un detenuto che spera di avere una seconda opportunità diviso tra sogni di vita e quelli d’amore”. Il videoclip della canzone, con regia di Claudio D’Avascio è stato girato tra la casa circondariale di Arienzo, con veri detenuti, ed il Giardino di Airola per gli esterni.

Dopo questo successo ci fu la cover riarrangiata di “Resta cu’mme di Domenico Modugno che l’artista ha eseguito live per il pubblico di instagram: “Fu un’intuizione geniale del mio produttore ed ottenemmo un grande riscontro radiofonico. L’acme lo raggiungemmo a Casa Sanremo dove fummo addirittura premiati per la tematica trattata che era quella del femminicidio”.

“Ancora vivo”, dedicato alla piccola Camilla Barba, è stato il singolo successivo: “Una canzone profonda, dal piglio rock, accompagnata da un video emozionante in cui recitava anche Sabino De Filippo, il nonno della piccola bimba a cui, dopo la scomparsa, è stato dedicato un premio letterario per i ragazzi delle scuole”.

Ma D’Aria oltre che un’apprezzata cantante professionista ha anche un’altra grande passione: “E’ vero. Mi occupo di estetica avanzata e con il mio compagno, l’attore Vincenzo Soriano, apriremo, dopo l’emergenza, un relais del benessere con camere annesse nel nostro bellissimo Cilento. Un progetto che non ci distoglierà dalle rispettive carriere artistiche ma a cui teniamo davvero tanto”. Ed proprio al Cilento che è dedicato l’ultimo singolo, in ordine di tempo. “Canzone appassiunata”, brano del 1922 di E.A.Mario , riarrangiata in chiave moderna, con la partecipazione straordinaria del gruppo folk Namarà: “Ero timorosa quando ho cantato questa canzone perchè prima di me era stata interpretata da colossi come Ranieri, Sastri e Gragnaniello. Ma ha ottenuto un gran successo. Ricordo- sorride D’Aria- dovevamo girare un videoclip estivo e trovammo una giornata piovosissima.Per fortuna, in serata, ci fu una schiarita e riuscimmo a girare il videoclip che visto dall’esterno sembra davvero la canzone solare che volevamo”.

D’Aria sta preparando il nuovo singolo, in uscita, covid-19 permettendo, dopo l’estate, che segnerà il suo ritorno sulle scene: “Stiamo lavorando ad un progetto grosso e sogno quanto prima, di raccogliere tutti i brani della mia carriera in un album. Voglio regalare ai miei fan, che in questi anni non mi hanno mai fatto mancare il loro calore, un grande concerto in teatro . Appena sarà possibile farlo certamente lo realizzeremo”.

Print Friendly, PDF & Email