Sabato 8 aprile 2017 l’appuntamento annuale con lo Slow Food Day

Sabato 8 aprile 2017 torna l’appuntamento annuale con lo Slow Food Day, la giornata in cui Slow Food porta in piazza in tutta Italia le sue storie, i territori e le testimonianze delle filiere produttive virtuose del settore agroalimentare.

Il tema scelto per questa settima edizione è ancora una volta “Voler bene alla Terra” accompagnato dall’hashtag #prendiamocigusto, lanciato dall’Associazione nazionale per accompagnare tutte le attività di comunicazione del 2017.

Sono 16 le iniziative pubbliche organizzate dalle Condotte Slow Food in Campania e Basilicata. Grande attenzione è però a Pollica dove da venerdì a domenica arrivano da tutta Italia i responsabili regionali dei Presìdi Slow Food per un importante incontro di discussione e programmazione sul progetto. “Siamo particolarmente lieti – dichiara Giuseppe Orefice, Presidente Slow Food Campania e Basilicata – di ospitare i responsabili nazionali del progetto Presidi Slow Food a Pollica in occasione dello Slow Food Day, in quanto il Cilento e Pollica in particolare sono luoghi emblematici di quanto questo progetto sia riuscito a realizzare. Il Cilento è infatti nel mondo il Parco nazionale con il maggior numero di Presidi Slow Food e Pollica è legata a doppio nodo alle alici di menaica e al sostegno della piccola pesca familiare”.

Ad aprire gli appuntamenti per lo Slow Food Day giovedì 6 aprile è Vitulano con una cena presso la Trattoria Reale nell’ambito dell’evento “Slow Food Day 3×3 – 3 Giornate per 3 Condotte” organizzato da Slow Food Taburno, Slow Food Valle Caudina e Slow Food Valle Telesina. Appuntamenti successivi a Montesarchio il 20 aprile e ad Amorosi il 27. La giornata clou per tutta Italia sarà però sabato 8 aprile. Qui infatti si concentra la maggior parte degli eventi. Partiamo da Pozzuoli (NA): qui al mattino, presso “Il Giardino dell’Orco” la Condotta Slow Food Campi Flegrei invita tutti a conoscere da vicino i produttori del Paniere Flegreo per fare la spesa con Slow Food. Nel pomeriggio a Benevento, presso il Palazzo Paolo V del centralissimo Corso Garibaldi si parlerà dalle ore 17,00 degli stili e dei consumi alimentari degli italiani, di come il consumatore possa “voler bene alla terra” attraverso le sue scelte alimentari grazie anche a un “Mercatino della Terra Sannita” fatto da piccoli produttori locali. Per l’occasione sarà anche possibile visitare l’olioteca sannita permanente appena inaugurata per diffondere la cultura dell’olio con assaggi e laboratori guidati. Caserta invece si tinge di “giallo” con una appassionante “Cena con Delitto” sul tema “Tradizioni Quaresimali” presso il Ristorante “Il Saporificio” di Recale (CE). Ad Avellino, presso la libreria “Giunti al Punto”, sarà presente un punto associativo e i ristoratori aderenti presenti sul territorio proporranno menù e sconti dedicati. Dalle 10,00 alle 12,00 a Piano di Sorrento (NA) Slow Food Costiera Sorrentina e Capri si ferma in Piazza Cota per un banchetto informativo e un percorso ludico-educativo che prevede assaggi di miele di melata su mela annurca con un abbinamento di limoni sorrentini. Per l’occasione tutti i Soci che rinnoveranno la propria tessera o che aderiranno per la prima volta a Slow Food riceveranno in omaggio la Guida Osterie d’Italia 2016.

A Giffoni Valle Piana (SA), Slow Food Picentini propone inoltre un Laboratorio della Colomba con lievito madre: appuntamento alle ore 18,00 alla Pasticceria Elia dove il Maestro Pasticcere Emilio Soldivieri racconterà la lavorazione della colomba e, a seguire, festeggiamenti in Piazza Umberto I. Per celebrare lo Slow Food Day, la Condotta Vesuvio ha invece scelto come location il Museo della Civiltà Contadina di Somma Vesuviana dove, dalle ore 10,00 alle ore 14,00 sarà allestito un Mercato che consentirà di conoscere i produttori dei presìdi Slow Food locali e di acquistarne i prodotti. Per l’occasione sarà anche annunciata, con un Laboratorio del Gusto, la nascita del Presidio dell’albicocca vesuviana, sostenuto da Ipark, progetto di promozione del territorio del Parco Nazionale del Vesuvio. Due sono poi i punti attivati da Slow Food Cilento sabato 8 aprile per diffondere la mission associativa: il primo a Battipaglia aspetta in Via Italia angolo Via Mazzini, l’altro a Eboli in Piazza della Repubblica. La Condotta sarà inoltre presente domenica 9 aprile con un proprio spazio anche al Palazzo Capano di Pollica, sede dell’incontro dei responsabili regionali dei Presìdi Slow Food. Domenica 9 aprile anche Slow Food Terre di Capua celebra Slow Food Day presso il Parco dei Diritti dei Bambini di Santa Maria Capua Vetere dove, dalle ore 10,00 alle ore 13,00 con il Patrocinio del Comune e in collaborazione con Bottega Terra Felice e l’associazione Mp4Ever si realizzeranno tanti laboratori ludico/educativi per i più piccoli e un mercatino di prodotti biologici per tutti!

In Basilicata, Matera ospiterà una piacevole due giorni nel segno di Slow Food. Qui sabato 8 dalle 16,00 alle 22,00 e domenica 9 dalle 10,00 alle 22,00 si terrà un Picnic al Boschetto con mercatino di produttori lucani, giochi all’aperto, attività di educazione alimentare, arte, letture, danze, musiche e tutto quanto “fa Slow Food”.

Vale infine la pena di segnare in agenda sin da ora l’appuntamento di venerdì 21, quando la Condotta Alta Irpinia attende tutti al Ristorante Museo La Ripa di Rocca San Felice (AV) per una Cena dei Presìdi.

Molti altri eventi, come quello di Napoli, ad esempio, sono rinviati di qualche giorno ma il calendario è in costante aggiornamento su slowfood.it/campania e sulle pagine Facebook di Slow Food Campania e delle Condotte Slow Food organizzatrici.

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista – Fonda il “Centro studi officina Volturno” nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE.
In un territorio “difficile” è convinto che attraverso la cultura e l’impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra.
Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico.
Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle “eccellenze” dei nostri territori che RESISTONO.
Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani…ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.