S.M. Capua Vetere – senatore antimafia chiede rinvio del voto

Centro Studi Officina Volturno
Centro Studi Officina Volturno

Contro la camorra non molliamo

CAMORRA. DE CRISTOFARO (SI-SEL): “A SANTA MARIA CAPUA VETERE FATTI INQUIETANTI. ORA COMMISSIONE D’ACCESSO E RINVIO DEL VOTO”

«Assume rilievi davvero inquietanti quanto emerge dall’operazione condotta dalla DDA di Napoli, che ha portato all’arresto di 9 persone accusate a vario titolo di associazione camorristica e che avrebbero favorito l’aggiudicazione degli appalti a ditte collegate al clan dei Casalesi. Ancora più allarmante è il fatto che in questa operazione siano stati arrestati anche l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere e un funzionario comunale».

Lo afferma il senatore di Sinistra Italiana-SEL, Peppe de Cristofaro, componente della Commissione parlamentare antimafia.

«Alla luce di quanto accaduto in queste ore – prosegue – chiedo formalmente che venga istituita una commissione di accesso  e  che vengano rinviate le prossime elezioni comunali  al fine di accertare se nel Comune di Santa Maria Capua Vetere  ci sia stato o meno un condizionamento di tipo mafioso. Come forza politica chiediamo al Prefetto di prolungare il Commissariamento fino a quando non sia stata fatta chiarezza su se e quanto la macchina amministrativa sammaritana sia stata infiltrata da organizzazioni camorristiche».

«Se così fosse – conclude De Cristofaro – ci troveremmo di fronte a qualcosa che deve interrogare tutti, non solo i cittadini campani, e che rischia di sferrare un altro colpo devastante alla politica e alla sua credibilità».

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista – Fonda il “Centro studi officina Volturno” nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE.
In un territorio “difficile” è convinto che attraverso la cultura e l’impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra.
Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico.
Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle “eccellenze” dei nostri territori che RESISTONO.
Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani…ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.