Rilancio del Litorale Domitio “Master plan Domitio flegreo”

Litorale Domitio
RILANCIO LITORALE DOMITIO
“Master plan Domitio flegreo”

L’AREA DEL PIANO STRATEGICO

Pubblichiamo la documentazione dell’idea progettuale di Masterplan proposto dalla Regione Campania, sembra che in questi giorni sia stato nominato il progettista, ed il tutto va seguito e studiato con attenzione, visto che parliamo di un idea ancora in fase embrionale e che non deve servire ad illudere nessuno, ma di fronte ad una progettazione seria e concreta, collaborare per essere  propositivi è un atto dovuto.  Segnaliamo che in queste schede di presentazione, in quella dei trasporti ferroviari NON c’è nulla che interessi il nostro territorio, e sarebbe opportuno intervenire presso i progettisti. ( La Redazione )  

I comuni coinvolti nell’area target del Piano Strategico (Masterplan) Litorale Domitio e Flegreo sono Sessa Aurunca, Cellole, Mondragone, Castel Volturno, Giugliano in Campania, Pozzuoli, Monte di Procida, Bacoli, Carinola, Falciano del Massico, Cancello ed Arnone, Villa Literno, Parete e Francolise.

IL PERCORSO REALIZZATO

  • È stata definita con delibera l’area d’intervento ( DGR 620/2017 ) (estesa a 14 comuni) e approvato gli indirizzi per la redazione di un Masterplan, documento di analisi e programmazione, che si riferisce ad un’area target come “ambito operativo o macro area omogenea” attuativa del piano paesaggistico regionale.
    (Il documento sarà redatto in coerenza con gli indirizzi di pianificazione paesaggistica di cui alla documentazione allegata all’intesa istituzionale sottoscritta tra Regione Campania e MiBACT, approvata con D.G.R.C. n. 277/2016.)
    La strategia di attuazione del Masterplan, attraverso un processo di coinvolgimento degli attori istituzionali e dei soggetti privati interessati a investire sull’area, definirà un numero limitato di progetti pilota di interesse strategico sovra comunale da attuare con particolare riguardo agli aspetti paesaggistici ed ambientali.
    Troveranno attuazione, compatibilmente con la disponibilità delle risorse, gli interventi di:

    1. Rigenerazione ambientale finalizzata alla riqualificazione paesaggistica ed alla bonifica dei territori;
    2. Sicurezza e legalità finalizzata a potenziare le politiche e le strutture per la riduzione del disagio sociale e per favorire azioni di sicurezza e legalità;
    3. Accessibilità finalizzata al rafforzamento della mobilità di collegamento con i principali punti di arrivo dei flussi turistici;
    4. Rigenerazione urbana finalizzata al recupero urbanistico dell’area individuata e promozione di azioni per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio naturalistico e storico archeologico.
  • È stato sottoscritto il Protocollo di Intesa (21/11/2017) tra la Regione Campania e i Comuni dell’area target, con il quale si è dato avvio a forme di collaborazione per la definizione della Programmazione integrata degli interventi e l’individuazione di strumenti, procedure ed azioni necessarie alla loro attuazione, nonché l’apertura agli operatori privati che potranno candidare i loro progetti.
  • La ricognizione delle iniziative manifestazione di pubblico interesse da realizzarsi da privati su aree interamente di proprietà privata a seguito di manifestazione d’interesse conclusa a dicembre del 2017.
    Questa Manifestazione di Interesse, è stata accompagnata da momenti pubblici come l’incontro con gli industriali e i costruttori, insieme alle Camere di Commercio, di Napoli e Caserta, che si è tenuto presso ACEN in data 28 novembre p.v.

    • Ad esito del bando, sono pervenute n. 154 richieste che posseggono i contenuti minimi ai fini dell’istruttoria per un controvalore complessivo di investimento pari a circa 4 miliardi di euro
    • È stato consentito di presentare, anche dopo la data di scadenza, ulteriori proposte che saranno prese in considerazione ai fini dell’aggiornamento dell’elenco che la Regione provvederà ad operare con cadenza semestrale fino alla completa definizione ed attuazione del Masterplan. Ad oggi sono pervenute dopo la scadenza, circa 30 altre manifestazioni di Interesse.
    • Per le proposte pervenute al 28/12/2017, la Regione Campania ha svolto un’attività di georeferenziazione degli interventi candidati e di prima schedatura. (ALL.1)
    • È in corso l’analisi delle proposte pervenute per valutarne la sostenibilità economica e procedurale . Questa fase che porterà all’individuazione dei priorità vedrà il coinvolgimento dei Comuni.
  • La ricognizione dei progetti di riqualificazione dell’area afferenti aree pubbliche o comunque di competenza di enti pubblici. È stata completata dalla Regione Campania la georeferenziazione delle aree di proprietà regionale.
  • La ricognizione dei beni e le aree di proprietà dei Comuni dell’area target del Litorale Domitio-Flegreo (ancora in corso).
  • Emanato un Il Bando per l’affidamento del servizio di elaborazione di una proposta di “Riqualificazione, valorizzazione e sviluppo del Litorale Domitio-Flegreo” – Masterplan del Litorale Domitio – Flegreo. (La commissione d’esame è in corso).
    Ad esito della procedura di gara conclusasi il 13 febbraio u.s., sono pervenute quattro qualificate proposte ed è stata costituita la Commissione di gara che individuerà il soggetto esterno aggiudicatario della procedura di evidenza pubblica che avrà il compito di ricondurre ad unitarietà le analisi e le proposte attraverso un disegno complessivo dell’area.
  • Intanto è impegno della Regione portare avanti i progetti finanziati ma incagliati( es grande progetto bandiera blu) , avviare nuove procedure ( es. il protocollo di Castel Volturno, avviso per la mobilità ecc), presidiare anche su tavoli nazionali la destinazione di risorse finalizzate ( es. Cipe).
    Interventi già finanziati ed in corso
    I comuni dell’area target sono già destinatari di risorse pari a circa 1,680 miliardi di euro, per la realizzazione di interventi di risanamento ambientale, sicurezza e legalità e rischio idrogeologico.

Nel dettaglio:

  • Circa 356 milioni di euro a valere sul PO FESR 2014/2020 di cui circa € 330 milioni di euro sono destinati per la realizzazione dei Grandi Progetti (“La Bandiera Blu del litorale Domitio”, “Risanamento ambientale e valorizzazione dei laghi dei Campi Flegrei” e “Regi Lagni) e circa 26 milioni di euro per la realizzazione di interventi afferenti alla sicurezza ambientale e alla rigenerazione urbana;
  • Circa 640 milioni di euro finanziati nell’ambito del Patto per lo sviluppo della Campania, di cui 190 milioni di euro a valere sulle risorse FSC 2014/2020, FESR 2014/2020 e 450 milioni di euro a valere su risorse nazionali (DL 185/2015 e Legge di Stabilità 2016).
  • Circa 29 milioni di euro di cui circa 11,8 a valere su FSC 2014/2020 e circa 17,2 milioni di euro a valere sul POC 2014/2020 per interventi afferenti il risanamento e scurezza ambientale, sicurezza e legalità e rischio idrogeologico.
  • Circa 630 milioni di euro per interventi relativi alla viabilità, reti ferroviarie e portualità.
    I nuovi interventi
  • INTERVENTI PER LA MOBILITÀ: almeno 390 milioni di euro viabilità, reti ferroviarie e portualità
  • INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E NATURALISTICI
    Nell’ambito delle attività di programmazione delle risorse in dotazione al MIBACT per il Fondo Sviluppo Coesione 2014/20, sono programmati 45 milioni di euro per il litorale domizio-flegreo:

    1. Un intervento già assentito con Del. CIPE n. 3/2016 a valere sul Piano Stralcio Turismo e Cultura” volto a migliorare il sistema di accessibilità del Parco Archeologico dei Campi Flegrei (Bacoli, Giugliano, Pozzuoli e Monte di Procida) per 25 milioni di euro
    2. È stata proposta per il prossimo l CIPE (del 29 febbraio 2018) per un valore di 20 milioni di euro. Obiettivo strategico individuato è il Recupero di siti archeologici e loro messa in rete. Restauro architettonico, recupero e valorizzazione dei castelli Medievali. Progetti di riqualificazione urbana e nuova infrastrutturazione al servizio del sistema turistico e dei beni culturali dell’area.
  • PROTOCOLLO DI INTESA DI CASTEL VOLTURNO
    Nell’ambito del Protocollo di intesa, che è stato sottoscritto il 20 febbraio 2018 tra il Commissario Straordinario del Governo per l’area del Comune di Castel Volturno, il Prefetto di Caserta, il Presidente della Giunta Regionale della Campania, il Sindaco del Comune di Castel Volturno, l’Autorità di Gestione del PON Legalità, il Capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, la Regione Campania, i seguenti interventi:

    • Demolizione Immobili, rimozione residui e bonifica aree – Importo € 700.000,00;
    • Contrasto all’erosione costiera e riduzione del rischio nelle aree classificate R3 e R4 – Stralcio (loc. Bagnara, loc. Destra Volturno, LOC. Baia Verde, loc. Ischitella) – Importo € 8.000.000,00;
    • Rifacimento e adeguamento di reti fognarie, impianti di sollevamento e depuratore in località Bagnara – dx Castel Volturno – Importo € 6.993.582,40;
    • Realizzazione di centri di raccolta di prossimità di rifiuti (isole ecologiche).
      Importo € 600.000,00.
      All’interno del protocollo il Ministero dell’Interno finanzierà i seguenti interventi:
    • recupero di tre beni confiscati alla criminalità organizzata, già assegnati al Comune di Castel Volturno, per le esigenze di inclusione ed integrazione dei cittadini di Paesi Terzi. Il finanziamento,per un importo massimo di 1,5 milioni di euro.
    • realizzazione di un sistema di sorveglianza attiva del territorio, in particolare delle aree più a rischio di fenomeni di criminalità. Il finanziamento, per un importo massimo di 2 milioni di euro.
    • azioni volte a favorire l’integrazione dei cittadini di Paesi Terzi attraverso l’avvio delle seguenti iniziative:
      1. attivazione di laboratori linguistici, di cucina, cinematografici, musicali, artigianali, sartoriali;
      2. promozione di percorsi di orientamento al lavoro;
      3. promozione di attività sportive;
      4. azioni di contrasto alla dispersione scolastica, anche attraverso l’intervento di “insegnanti di strada”;
      5. potenziamento di servizi sociali a supporto delle categorie vulnerabili, con specifico riferimento a donne e minori;
      6. rafforzamento dei servizi di mediazione interculturale, attraverso figure specializzate.
        Il finanziamento, per un importo massimo di 2 milioni di euro, sarà assicurato attraverso il Fondo Asilo Migrazione ed Integrazione (FAMI) 2014-2020.
  • LEGALITÀ E INCLUSIONE SOCIALE: Contrasto ai fenomeni di illegalità
    Il Ministero dell’Interno e la Regione Campania insieme al Dipartimento per le Politiche di Coesione presso la Presidenza del Consiglio, all’Agenzia per la Coesione territoriale ed all’Agenzia Nazionale per i Beni confiscati hanno sottoscritto un Protocollo di intesa per la realizzazione di uno specifico “Accordo per il Rafforzamento della Legalità, della Sicurezza e della Coesione Sociale in Campania”, nell’ambito del quale Accordo è stato bandito un avviso pubblico per la valorizzazione dei beni confiscati a valere su risorse sia del PON Legalità che del Programma Operativo regionale FESR 2014/20 a favore delle aree target, tra le quali figurano i Comuni del Litorale Domitio Flegreo.
    Si sono candidati i seguenti Comuni i cui progetti sono al vaglio della Commissione di valutazione:

    • Bacoli (NA) € 1.037.569,75
    • Giugliano (NA) € 1.500.000,00
    • Villa Literno (CE) € 1.400.000,00
    • Castel Volturno (CE) € 1.479.347,77
    • Cellole (CE) € 200.000,00
    • Sessa Aurunca (CE) € 1.480.000,00
  • L’Accordo prevede la realizzazione di un complesso sistema di azioni ed in particolare:
    • supporto alle imprese sociali che gestiscono beni confiscati alla criminalità organizzata
    • percorsi di inclusione sociale e lavorativa per gli immigrati regolari e richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale
    • prevenzione e contrasto ai fenomeni del racket e dell’usura
    • supporto alla funzione educativa delle famiglie
    • promozione della cittadinanza attiva
    • rafforzamento delle competenze organizzative e gestionali dei soggetti coinvolti nella gestione di beni e imprese confiscati.

L’Accordo per il Rafforzamento della Legalità, della Sicurezza e della Coesione Sociale in Campania sarà ulteriormente integrato con risorse specifiche destinate prioritariamente alle politiche per i migranti, che vedranno come area prioritaria di riferimento il Comune di Castel Volturno.ALLEGATO 1

MANIFESTAZIONI INTERESSE DEI PRIVATI SU AREE E BENI PRIVATI

Analizzando le 154 proposte pervenute si nota che a mostrare una maggiore vivacità territoriale è il comune di Mondragone (n. 46 proposte presentate), seguito da Giugliano in Campania (n. 26 proposte) e Castel Volturno (n. 23 proposte). A superare le dieci proposte presentate sono gli interventi allocati nei comuni di Sessa Aurunca (n. 15 proposte) e Bacoli (n. 12 proposte).
In riferimento alle linee strategiche del Masterplan risultano prevalenti per numero, le istanze pervenute sulla linea strategica della Rigenerazione urbana con n. 131 istanze su 154 presentate per un controvalore pari a 1,85 miliardi di euro (85% del totale): in esse preponderano con ben 102 proposte, quelle relative alla realizzazione di interventi di carattere “turistico-ricettivo”.
In relazione al contributo richiesto sul totale delle operazioni afferenti alla Rigenerazione Urbana e Territoriale, si evince che i progetti presentati necessitano di un finanziamento pubblico di circa 540 milioni di euro.
Seguono gli interventi proposti coerenti con la linea strategica della Rigenerazione ambientale (n. 15) per un controvalore dell’investimento pari a circa 139 milioni di euro. A fronte di tale valore, è richiesto un incentivo di circa 26 milioni di euro pari al 27% dell’investimento. In questo caso, risulta più numeroso il gruppo di progetti richiedenti un contributo pubblico nella misura del 30%.
Infine, gli interventi coerenti all’obiettivo strategico delle Sicurezza e Legalità (n. 2) per un valore di investimento pari a circa 20 milioni di euro.
Considerazione a parte meritano le proposte presentate attinenti al tema della Accessibilità: la proposta di realizzazione di una grande area di sosta nel comune di Giugliano e la proposta di un sistema monorotaia lungo un percorso di circa 65 Km serve n°23 stazioni da Napoli – Capodichino a Mondragone. Il valore di questo investimento è di circa 1,8 miliardi di euro.

  • Solo per 18 delle proposte pervenute i proponenti dichiarano che non necessitano di varianti urbanistiche e territoriali e non richiedono alcun contributo pubblico per la loro realizzazione. Complessivamente le richieste che non richiedono finanziamenti pubblici sono 46.
  • Per 88 proposte presentate (57% del totale), i proponenti dichiarano che necessitano di intervento di modifica delle strumentazioni urbanistiche o territoriali per poter essere realizzate.

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.