Regione Campania e trasporti: il comunicato delle segreterie provinciali di Caserta

informareonline-uil-comunicato
Riportiamo di seguito il comunicato stampa diffuso dalle Segreterie Provinciali di Fit, Cisl, Filt, Cgil, Uilt, Uil:

“Riteniamo che sia innegabile l’impegno della Regione Campania in materia dei Trasporti attraverso numerosi interventi anche durante l’emergenza sanitaria, che ha interessato anche la provincia di Caserta. Tra le tante, non ultima quella dello stanziamento di ulteriori 20 milioni da destinare a talune categorie colpite da questa crisi, come gli operatori del trasporto pubblico non di linea (Taxi e N.C.C.); le iniziative a favore delle imprese di trasporto marittimo ed i lavoratori stagionali, con un riconoscimento di un contributo una tantum di € 1.000, intervento, quest’ultimo, richiesto con forza dalle Organizzazioni Sindacali di Cgil, Cisl e Uil.

Così, cogliamo positivamente anche le recenti affermazioni del Presidente della Regione Campania, per la creazione di un’azienda unica regionale del Trasporto Pubblico, concentrata in mano pubblica. Sarebbe una sfida importante che può creare quel Sistema Metropolitano Regionale di Mobilità dei Cittadini, garantendo un efficiente ed un riordino del trasporto pubblico integrato ed intermodale di tutta la Regione Campania.

Ma le scriventi OO.SS. Territoriali, ritengono ulteriormente necessario un intervento della Regione Campania, nella provincia di Caserta, sia per quanto riguarda le opere infrastrutturali che per quanto concerne il Trasporto Merci su Ferro, con l’area interportuale di Maddaloni/Marcianise ed annesso Scalo Merci Ferroviario. Recentemente abbiamo inviato una nota, proprio sulle potenzialità di un sistema di trasporto intermodale dell’area dello Scalo Merci di Maddaloni-Marcianise e annesso interporto, affinché si pervenga all’ interessamento di tutti i soggetti: da quelli Istituzionali, in primis la Regione Campania, a quelli Ferroviari con il Polo di Mercitalia delle Ferrovie dello Stato, nonché delle Associazioni delle Imprese operanti nella provincia.

Una innegabile fame di interventi INFRASTRUTTURALI e di finanziamenti a riguardo, questa provincia ne ha bisogno, proprio per un rilancio dopo la forte crisi economica, che l’emergenza sanitaria ha ulteriormente aggravato, ma che già era pesante prima della stessa. Le sole infrastrutture dell’Alta Capacità della linea ferroviaria Napoli Bari, non possono bastare. Sono la classica goccia d’acqua che non toglie sete al territorio di questa provincia.

Numerosi sono gli interventi chiesti sulle infrastrutture viarie più volte da noi segnalate, quali ad esempio, le carenza di sicurezza, l’omesso ammodernamento e inadeguatezza della SS7 e della SP 335, su cui le scriventi sono intervenute anche presso l’Anas oltre che presso la Regione Campania. Questi sono solo alcuni esempi, ma siamo pronti a confrontarci su tanti progetti di cui la Provincia di Caserta necessita in termini di viabilità, infrastruttura e trasporti”.

Print Friendly, PDF & Email